Tatuaggi all’hennè di Henna Heals: ecco come riaccendere la speranza e donare il sorriso alle donne malate di cancro

/

HENNE'E’ trascorso molto tempo da quando tatuare il proprio corpo aveva il significato di “integrazione sociale”, di distinzione di rango, di “segno d’appartenenza” ad una certa categorie di persone; sono ormai lontani i tempi in cui farsi un tatuaggio era esclusiva (o quasi) dei delinquenti, dei carcerati o di altri individui “poco raccomandabili”. Oggi come oggi il tatuaggio è divenuto una pratica sempre più diffusa, è un modo per abbellirsi, per comunicare qualcosa di sè, per dichiarare l’appartenenza a un gruppo e, allo stesso tempo, confermare la propria unicità di persona, mostrando, più o meno pubblicamente, particolari di noi che in genere sono tenuti nascosti. Ma c’è un’altra motivazione che porta a decorare il proprio corpo; una motivazione più profonda che va ben oltre tutte quelle summenzionate; per contribuire a facilitare un percorso lungo e travagliato: quello delle donne malate di cancro, riaccendendo in loro la speranza ed il sorriso, facendole sentire belle anche durante questa terribile malattia. Si chiama Henna Heals, è un’organizzazione creata in Canada da 5 tatuatrici. Con oltre 150 artisti dell’hennè sparsi in tutto il mondo che, tramite questo semplicissimo inchiostro temporaneo, creano vere e proprie tele artistiche sulle teste delle donne malate di cancro che, oltre a dover combattere ogni giorno un’incredibile battaglia contro uno dei peggiori mali del secolo, fanno i conti con la perdita dei capelli che spesso accompagna la chemioterapia. L’organizzazione ha deciso di trasformare questi dolorosi periodi della vita, in qualcosa di bello e femminile, utilizzando un’antica tecnica ornamentale in grado di rendere esteticamente bello ciò che, a prima vista, appare “malato”. Ogni essere umano è una bella opera d’arte e finalmente le persone senza capelli a causa della chemioterapia o di gravi forme di alopecia, che spesso cercano di nascondere la testa calva sotto parrucche, cappelli o foulard, possono sentirsi più sicure del proprio aspetto. Henna Cure offre servizi di hennè per eventi speciali e per dipingere le pance delle future mamme, rivisitando in chiave moderna questa pasta naturale risalente alle antiche tradizioni asiatiche e alla storia del Medio-Oriente, per dar vita a meravigliose corone dai motivi floreali, simboli religiosi… messaggi di speranza che aiutano a sconfiggere le difficoltà demoralizzanti che si sommano alle lotte fisiche ed emotive dovute alla malattia. Sono un inno alla vita, un’esperienza di guarigione, dato che, come spiega la fondatrice Frances Darwin, “Per le donne è importante sentirsi belle e femminili anche durante la malattia”.