Tumori: la risonanza a ultrasuoni riduce il dolore da metastasi ossee

MeteoWeb

ricerca medicaUna terapia termica e non invasiva ad ultrasuoni e’ in grado di ridurre il dolore da metastasi ossee, secondo quanto dimostrato da un nuovo studio descritto sul Journal of the National Cancer Institute (JNCI). Quando il cancro progredisce e si diffonde alle ossa, i pazienti soffrono di un dolore fortemente debilitante. Adesso la ricerca clinica di fase III della Thomas Jefferson University (Usa) ha dimostrato che la risonanza magnetica non invasiva ad ultrasuoni focalizzati riscalda il tumore all’interno delle ossa, allevia il dolore e migliora la qualita’ di vita e le funzioni del paziente. La risonanza magnetica che impiega ultrasuoni focalizzati – MRgFUS – e’ una tecnica che e’ stata utilizzata in modo sicuro per il trattamento di migliaia di donne con fibromi uterini. “Questo e’ il primo studio clinico in fase III – hanno spiegato gli autori – ad utilizzare questa tecnologia per il trattamento del cancro”. La terapia e’ stata testata su un campione di 147 pazienti. Il tessuto tumorale e’ stato riscaldato in gamme dai 65 agli 85 gradi centigradi. I pazienti hanno risposto bene al trattamento con il 64 per cento che ha riferito assenza di dolore o una sua significativa riduzione a tre mesi.