Ambiente: oggi la Giornata Mondiale per la Lotta contro la Desertificazione

MeteoWeb

DUNE DESERTO - CopiaL’UNCCD – United Nations Convention to Combat Desertification (1994) definisce la desertificazione come il degrado del territorio nelle zone aride, semi aride e sub umide secche attribuibile a varie cause fra le quali variazioni climatiche e le attività umane. Il terreno fertile è la più importante risorsa non rinnovabile del mondo, è la pelle della terra produttiva. Tuttavia, ogni anno 12 milioni di ettari di terreno, un´area tre volte più grande della Svizzera, vengono persi a causa della desertificazione. Il degrado del suolo influisce direttamente su 1,5 miliardi di persone nel mondo.

La Giornata Mondiale per la Lotta contro la Desertificazione è stata istituita nel 1995 per sensibilizzare l´opinione pubblica in materia di cooperazione internazionale per combattere la desertificazione e gli effetti della siccità, e l´attuazione della Convenzione delle Nazioni Unite per Combattere la Desertificazione (UNCCD). Per l’INEA – Istituto Nazionale di Economia Agraria il 50% del territorio nazionale è potenzialmente a rischio. Intere regioni sono a rischio: Sicilia, Sardegna, Calabria, Basilicata, Puglia e Campania. Il 4,3% dell’intero territorio italiano (1,2 milioni di ettari) è già sterile mentre il 4,7% (1,4 milioni di ettari) ha già subito fenomeni di desertificazione.
E in Sicilia?

L’incontro pubblico di domani, 17 giugno 2014 alle ore 17,30, presso l’Orto botanico dell’Ateneo Catanese, promosso dal Corso di Laurea Magistrale in Scienze per la Tutela dell’Ambiente, CEA Messina Onlus, Codacons e Ramarro Sicilia intende fare il punto delle conoscenze.
L’invito a intrattenere il pubblico è stato rivolto al prof. Vincenzo Piccione e alla sua équipe che da anni studia i cambiamenti ambientali nel Centro Mediterraneo con particolare riguardo alla Calabria e, soprattutto, alla sua terra di Sicilia.
Quanti interverranno avranno modo di scoprire gli scenari passati, presenti e futuri del rischio desertificazione, restituiti a varie scale di rappresentazione cartografica.