Clima: incide sulla migrazione umana più delle calamità naturali

MeteoWeb

GREENPEACE: GIORNATA MONDIALE DELL?AMBIENTE, LE IMMAGINI DELLE CONSEGUENZE DEI CAMBIAMENTI CLIMATICISecondo un nuovo studio pubblicato sulla rivista Pnas, i cambiamenti climatici a lungo termine esercitano una maggiore influenza sul modo in cui gli umani migrano, rispetto alle episodiche calamita’ naturali. Gli impatti dei cambiamenti climatici potrebbero infatti rendere alcune zone inospitali o inabitabili, stimolando potenzialmente la migrazione umana verso climi favorevoli. Pratikshya Bohra-Mishra e colleghi della Princeton University, New Jersey, hanno esaminato i dati del monitoraggio di modelli di migrazione di 7.185 famiglie indonesiane tra il 1993 e il 2007. L’Indonesia e’ soggetta sia agli effetti di cambiamenti climatici a lungo termine che a frequenti calamita’ naturali: i risultati suggeriscono che le improvvise catastrofi naturali hanno un piccolo impatto sulla migrazione permanente, contro l’impatto, molto piu’ sentito, dei cambiamenti climatici a lungo termine. Nelle regioni in cui le temperature medie atmosferiche annue superano i 25 gradi, ulteriori aumenti di temperatura avevano incrementato l’emigrazione, il che suggerisce che la temperatura produce un effetto non lineare sulla migrazione. Gli autori hanno trovato inoltre che un aumento delle precipitazioni ha prodotto un simile, ma piu’ piccolo, effetto.