In Sicilia il 1° meeting internazionale sull’astrofisica: 260 esperti in arrivo a Giardini Naxos

MeteoWeb

Square Kilometre ArrayDall’8 al 13 giugno Giardini Naxos (Messina) ospiterà il primo meeting internazionale di astrofisica incentrato sulla costruzione dello Square Kilometre Array (Ska), la più grande rete di radiotelescopi del mondo, che sarà realizzata tra Australia e Sud-Africa. Il meeting ”Advancing Astrophysics with the Square Kilometre Array” sarà l’occasione per 260 astrofisici, scienziati e ingegneri provenienti da tutto il mondo, a 10 anni dalla pubblicazione del primo libro di SKA (”Science with the Square Kilometre Array”), per confrontare i recenti risultati delle loro ricerche nei momenti finali della fase di pre-costruzione. Esperti del settore avranno l’occasione di conoscere gli ultimi sviluppi nel campo della cosmologia, delle pulsar, del magnetismo cosmico e dell’esobiologia, ma soprattutto di imparare a conoscere meglio il progetto di Ska. Gli esperti forniranno aggiornamenti e notizie su tutti e tre i telescopi precursori di Ska, cioè Askap, Mwa e Meerkat. Una volta completato, Ska conterà migliaia di grandi antenne e milioni di ricevitori radio, distribuiti tra le regioni desertiche dell’Africa e dell’Australia, per simulare una superficie ricevente di un chilometro quadrato, che ne farà il più potente radiotelescopio mai concepito e una straordinaria arma per studiare l’evoluzione dell’Universo, la gravità e la materia oscura e gli enigmatici e vasti campi magnetici. L’Italia, tramite l’Istituto nazionale di astrofisica (Inaf) ha raccolto la sfida sin dall’inizio ed è oggi uno dei principali paesi coinvolti nel progetto, accanto ad altre 10 nazioni (Australia, Canada, Cina, Germania, India, Olanda, Nuova Zelanda, Sud Africa, Svezia e Regno Unito). A rappresentare l’Inaf durante il meeting ci saranno diversi ricercatori italiani nonché il presidente Giovanni Bignami, che terrà un public talk dal titolo ”Ska è il futuro dell’Italia”, in programma martedì prossimo alle 20 presso l’Aula magna del dipartimento di Fisica e astronomia dell’Università di Catania.