In viaggio sulle Orobie: il “Tour delle Grigne” per promuovere il territorio montano

MeteoWeb

Conferenza_Tour_GrigneNella mattinata di oggi, mercoledì 11 giugno 2014, è stata presentata presso la sede centrale del Club alpino italiano a Milano la seconda edizione di “In viaggio sulle Orobie”, che quest’anno ha preso il nome di “Tour delle Grigne”.

La manifestazione, organizzata dalla rivista Orobie, con la collaborazione dell’Unione bergamasca delle Sezioni e Sottosezioni CAI e delle Sezioni CAI delle province di Milano e di Lecco vedrà, dal 10 al 13 luglio 2014, un gruppo di 15 persone tra alpinisti, artisti, giornalisti, fotografi ed esperti di cibo e vino percorrere i sentieri del massiccio montuoso alpino ubicato nella provincia di Lecco. L’obiettivo del Tour delle Grigne è quello di promuovere il territorio raccontandolo da prospettive diverse.

Alla conferenza di oggi sono intervenuti Vincenzo Torti (Vicepresidente Generale del CAI), Paolo Valoti (Consigliere centrale CAI), Emanuele Falchetti (Giornalista e Redattore Orobie), Gabriele Zerbi (CAI Milano), Claudio Trentani(Rifugista rifugio Carlo Porta), Mario Curnis (Decano alpinisti bergamaschi), Giuseppe Alippi (Alpinista).

Vincenzo Torti ha portato i saluti del Presidente generale del CAI Umberto Martini. “Le Grigne sono montagne conosciute ed è importante la promozione di una loro frequentazione intelligente e appagante, come faranno i protagonisti di questo Tour – ha dichiarato il Vicepresidente – Non si tratta infatti di semplici escursioni dirette alla cima delle montagne, bensì volte alla conoscenza del territorio e della cultura, degli usi e dell’enogastronomia dei suoi abitanti. Si tratta in sintesi di un omaggio a chi vive nelle Terre alte e a chi si occupa della promozione del loro stile di vita”.

I protagonisti procederanno animati dalla curiosità di scoprire ciò che li circonda e dalla voglia di conoscersi valorizzando in questa prospettiva soprattutto i rifugi come luogo di incontro e aggregazione. 
“La presenza nel gruppo di grandi alpinisti come Curnis lo scorso anno e Alippi quest’anno, che hanno accettato di condurre le escursioni, dimostra il loro legame con le montagne di casa”, ha detto Emanuele Falchetti. “Tengono molto alla promozione del proprio territorio, anche se non se non siamo in Himalaya o in Patagonia”.

Secondo Paolo Valoti che, oltre a essere Consigliere centrale del CAI è anche Presidente dell’Unione bergamasca delle Sezioni e Sottosezioni CAI, e gli altri intervenuti, con questo progetto “intendiamo veicolare la grande ricchezza che la fatica e la gioia provate vivendo la montagna insieme possono dare. Una ricchezza che poi si traduce in volontà di trasmettere agli altri la passione per il territorio montano e della sua cultura”. 

Vedremo e vivremo le stesse montagne, ma attraverso occhi ed esperienze diverse”, ha concluso Gabriele Zerbi, che prenderà parte al Tour. “E’ un viaggio che può essere visto e narrato sotto tanti aspetti. Per quanto riguarda la Sezione di Milano, infine, faremo conoscere anche tre nostri rifugi – Porta, Brioschi e Rosalba – che fanno parte della storia delle Grigne e che incontreremo nel percorso”.

La novità di quest’anno è il coinvolgimento di realtà e istituzioni intenzionate a promuovere questo importante patrimonio in vista dell’Expo.
L’idea degli organizzatori è che l’itinerario del tour resti a disposizione di quanti intendano scoprirlo o riscoprirlo.