Maltempo: flagellate le coltivazioni di grano duro nel foggiano

MeteoWeb

granoI violenti acquazzoni che si sono abbattuti nelle ultime ore sulla Capitanata hanno flagellato le coltivazioni di grano duro proprio nella fase piu’ delicata della stagione, quella della raccolta. E’ l’allarme lanciato dalla Confagricoltura di Foggia che non nasconde i propri timori per la mietitura, gia’ avviata in diverse zone della Capitanata. “Centinaia di ettari da Nord a Sud della provincia – ribadisce l’associazione agricola – sono stati “allettati” dalla forza del nubifragio che in alcuni casi potrebbe aver messo a rischio la qualita’ del raccolto. Una cosa e’ certa: con tutta la pioggia caduta nelle ultime ore, quasi certamente gli agricoltori non potranno risalire sulle mietitrebbie prima di 4-5 giorni sempre che le condizioni meteo non riservino altre sorprese”. Intanto Confagricoltura, in questi giorni, sta quantificando la portata del problema che si estende sull’intera provincia, ma con particolare concentrazione nella piana del Tavoliere ovvero quella maggiormente vocata alla produzione granaria e quella dove il grano matura piu’ tardi e dove e’ in corso la mietitura. In provincia di Foggia sono oltre 60mila le aziende cerealicole con una produzione annua che si aggira intorno a 5-6 milioni di quintali. In Italia la Capitanata e’ il primo territorio per la produzione di grano duro. Ma se le piogge di questi giorni potrebbero causare solo un grano “slavato”, senza alcuna alterazione della qualita’ proteica delle produzioni, qualche problema in piu’ potrebbero subire le coltivazioni di pomodoro, trapiantate da appena qualche settimana, come pure i vigneti e le coltivazioni orticole e i frutteti.