Medicina: un sensore sottocute svela le aritmie invisibili e previene l’ictus

MeteoWeb

odore pelleUn ‘sensore’ applicato sottopelle registra eventuali anomalie del battito cardiaco invisibili ai normali strumenti diagnostici e aiuta a scongiurare molti casi di ictus dovuti proprio a tali aritmie asintomatiche. A dimostrare le capacita’ di questo apparecchietto e’ stato un team internazionale di ricercatori capitanato da Tommaso Sanna del Policlinico Gemelli di Roma insieme a Vincenzo di Lazzaro, attualmente al Campus Biomedico della Capitale. Lo studio ‘Crystal’, durato tre anni, e’ stato pubblicato sul New England Journal of Medicine. Il microdispositivo, piu’ piccolo di una pennetta USB, impiantato sottocute in anestesia locale, registra in continuo l’attivita’ cardiaca e puo’ essere ‘interrogato’ direttamente dal paziente, attraverso un telecomando. Quest’ultimo ha una spia rossa che s’accende in caso di aritmia avvertendo il paziente che puo’ cosi’ recarsi tempestivamente in ospedale per ulteriori accertamenti. L’apparecchio puo’ anche trasmettere l’elettrocardiogramma (ECG) allo specialista. Quest’ultimo puo’ cosi’ intervenire con una terapia preventiva adeguata.