Per non dover riparare o ricostruire dopo il terremoto: convegno annuale GLIS

MeteoWeb

foto_terremoto_chiesa_Cavezzo_MONel corso delle audizioni svoltesi nel 2012 all’VIII Commissione Ambiente, Territorio e Lavori Pubblici della Camera dei Deputati, nell’ambito dell’«Indagine conoscitiva sullo stato della sicurezza sismica in Italia», è stato sottolineato che oltre il 70% dell’edificato italiano non è in grado di resistere ai terremoti ai quali può risultare soggetto. Tale elevato numero di opere altamente vulnerabili al sisma include, oltre a tanti edifici ad uso abitativo, anche numerose scuole, numerosi ospedali e numerosi altri edifici strategici e pubblici, spesso ospitati da costruzioni antiche o semplicemente vecchie, edifici che, invece, dovrebbero restare totalmente integri in caso di terremoto. Per massimizzare la protezione antisismica delle strutture (sia di nuova costruzione che esistenti), sono state da tempo sviluppate e sono già significativamente applicate, anche in Italia, moderne tecnologie, basate sia sull’approccio tradizionale, che prevede di rendere la struttura, rinforzandola, adeguatamente resistente al terremoto (un esempio è il Metodo CAM), sia su un approccio alternativo, consistente nel ridurre, attraverso l’uso di appropriati dispositivi, le azioni sismiche che il terreno trasmette alla struttura. Per quanto attiene al secondo approccio, sono stati sviluppati e già applicati in un numero significativo di edifici, anche in Italia, sistemi come quelli d’isolamento sismico, che garantiscono l’integrità assoluta degli edifici e minimizzano l’effetto “panico” (e dunque, sono i più efficaci), o dissipativi, che permettono di avvicinarsi a tale obiettivo.
Il seminario/esposizione annuale del GLIS del 2013, tenutosi all’Aeroporto d’Abruzzo il 18 ottobre, è stato dedicato agli interventi con le moderne tecnologie antisismiche sugli edifici esistenti, tramite esempi di recenti applicazioni effettuate specialmente a seguito dei terremoti del 2009 in Abruzzo e del 2012 in Emilia. L’evento del 2014 ed il successivo incontro con la popolazione e con le Istituzioni, organizzati assieme all’Associazione Nazionale Costruttori Edili (ANCE), all’Ordine degli Ingegneri ed all’Università degli Studi di Catania, oltre che all’Associazione Nazionale Tecnici Enti Locali (ANTEL), alla Western European Territorial Section (WETS) dell’Anti-Seismic Systems International Society (ASSISi) ed all’ENEA, vertono, invece, sugli interventi preventivi sugli edifici nuovi ed esistenti con le suddette tecnologie e su altri temi rilevanti per la prevenzione. L’esposizione affiancherà ambedue le manifestazioni. Ai partecipanti iscritti agli Ordini degli Ingegneri saranno rilasciati i crediti formativi previsti dal D.P.R. 137 del 07/08/2012.

Per non dover riparare o ricostruire dopo il terremoto
Interventi preventivi sugli edifici nuovi ed esistenti con le moderne tecnologie antisismiche

venerdì 13 Giugno 2014, ore 9:00
Monastero dei Benedettini, Aula Magna Piazza Dante Alighieri 32 – Catania

PROGRAMMA
08:15 Registrazione dei partecipanti
09:00 Indirizzi di saluto:
Giacomo Pignataro (Magnifico Rettore dell’Università degli Studi di Catania); Enzo Bianco (Sindaco del Comune di Catania); Santi Maria Cascone (Presidente dell’Ordine degli Ingegneri della provincia di Catania); Alessandro Martelli (Presidente GLIS e Vicepresidente ASSISi, socio SEWC-IG); Aldo Abate (Presidente della Fondazione Ordine Ingegneri provincia di Catania); Nicola Colombrita (Presidente ANCE Catania); Walter Pallavicini (Segretario Generale ANTEL); Luigi Bosco (Assessore alle infrastrutture e grandi opere, lavori
pubblici, protezione civile e risparmio energetico del Comune di Catania).
09:30 Prima Sessione, Presiedono: Massimo Forni (Centro Ricerche ENEA di Bologna, segretario generale GLIS ed ASSISi) e Michele Maugeri (Università degli Studi di Catania, GLIS)
09:35 Le moderne tecnologie antisismiche e le applicazioni in Italia e nel mondo, Alessandro Martelli (Presidente GLIS e Vicepresidente ASSISi, Comitato Tecnico-Scientifico Co.Prev., SEWC-IG)
10:00 La Norma Europea EN 15129: Dispositivi antisismici, Renzo Medeot (CEN TC340, GLIS, ASSISi)
10:25 Prove sperimentali per il rafforzamento di strutture in muratura ed in cemento armato con il Metodo CAM, Piero Colajanni (Università degli Studi di Palermo, GLIS)
10:50 Discussione
11:00 Visita all’esposizione e pausa caffè
11:30 Seconda Sessione, Presiedono: Giovanni Falsone (Università degli Studi di Messina, GLIS) e Alfonso Vulcano (Università della Calabria a Rende, GLIS)
11:35 Protezione sismica degli edifici esistenti: tecnologie innovative e strumenti di prevenzione – Paolo Clemente (Centro Ricerche ENEA della Casaccia, GLIS e ASSISi)
12:00 La protezione degli impianti a rischio di incidente rilevante con sistemi antisismici, Massimo Forni (ENEA, Segretario Generale GLIS ed ASSISi)

12:25 Lezioni derivanti dalla ricostruzione in Abruzzo ed in Emilia, Antonello Salvatori (Università degli Studi de L’Aquila, GLIS)
12:50 Discussione
13.00 Pausa pranzo e visita all’Esposizione
14:30 Terza Sessione, Presiedono: Aurelio Ghersi (Università degli Studi di Catania, GLIS) e Nunzio Scibilia (Università degli Studi di Palermo, GLIS)
14:35 Quadro degli interventi di isolamento sismico in Sicilia, Salvo Cocina (Regione Sicilia)
15:00 Interventi di carattere preventivo per garantire la sicurezza sismica delle scuole, Fabio Neri (Università degli Studi di Catania, GLIS, ASSISi)
15:25 Interventi di carattere preventivo per garantire la sicurezza sismica degli ospedali, Alessandro De Stefano (Politecnico di Torino, GLIS)
15:50 Principio di funzionamento degli Advanced Early Warning e campi di applicazione: dal preallarme all’attuazione automatica delle procedure di sicurezza in caso di sisma, Marco Cavigli (SI/ONTEC,Bologna, GLIS)
16:15 L’esperienza in Sicilia dell’incentivo sull’utilizzo dei dispositivi antisismici all’interno del Piano Casa e proposte riguardanti l’iter burocratico, Manlio Marino (Ordine degli Ingegneri provincia di Messina, GLIS)
16:40 Discussione
17:00 Visita all’esposizione e pausa caffè
17:30 Tavola Rotonda, Presiedono: Luigi Bosco ed Alessandro Martelli. Partecipano: Salvo Cocina (Regione Sicilia); Nicola Colombrita (Presidente ANCE Catania); Massimo Forni (ENEA, GLIS); Manlio Marino (Ordine degli Ingegneri della provincia di Messina, GLIS); Michele Maugeri (Facoltà di Ingegneria, Università degli Studi di Catania); Giuseppe Pentassuglia (Comune di Torino, Responsabile Attività Formative ANTEL, GLIS); Maria Grazia Piccinini (Presidente Co.Prev.); Giuseppe Marano (Consigliere dell’Ordine degli Ingegneri della provincia di Catania)
18:45 Conclusioni e chiusura dei lavori Luigi Bosco, Santi Maria Cascone e Alessandro Martelli
19:00-20.00 ASSEMBLEA GENERALE DEI SOCI GLIS

Quote di partecipazione
(Il pagamento della quota comprende la partecipazione al seminario e al pranzo di lavoro)
– 60,00 € da pagare al GLIS per i soci in regola GLIS, ANTEL e SEWC-IG, nonché per i dipendenti del Comune di Catania e per i docenti dell’Università di Catania. Modalità di pagamento: bonifico bancario, IBAN IT63Y0707202408031000143264 intestato a GLIS, presso EMIL BANCA – CREDITO COOPERATIVO, Via dell’Arcoveggio n. 56/22, 40129 Bologna (si prega di indicare Nome e Cognome nella prima parte della causale).
– 60,00 € + IVA (€ 74,00), per i non soci GLIS, ANTEL o SEWC-IC, iscritti all’Ordine degli Ingegneri della provincia di Catania o ad altri Ordini Professionali. Il pagamento dovrà essere effettuato alla Fondazione dell’Ordine degli Ingegneri della provincia di Catania (dopo il ricevimento della mail di conferma dell’iscrizione) tramite bonifico bancario, IBAN IT03G0503616900CC0451292227 intestato a FONDAZIONE ORDINE INGEGNERI CATANIA. Agli iscritti agli Ordini degli Ingegneri, partecipanti al convegno, verranno riconosciuti n° 5 CFP, validi ai fini dell’aggiornamento professionale; l’iscrizione al convegno, per i primi 200 iscritti, sarà possibile a partire dalle ore 10:00 del 30 maggio pv e fino al 9 giugno 2014, soltanto telematicamente collegandosi al sito della Fondazione www.fonding.ct.it e compilando l’apposito “form” dedicato al seminario GLIS.

– 80,00 € da pagare al GLIS (vedi sopra) per gli altri partecipanti che non appartengono alle categorie sopra elencate.

Partecipazione gratuita (senza diritto al pranzo di lavoro) per gli studenti universitari muniti di tesserino e che si siano prenotati entro il 6 giugno.
Segreteria Tecnica:
Ing. Massimo Forni
Segretario Generale GLIS
tel.: 051 6098554, fax: 051-6098544
massimo.forni@enea.it
www.assisi-antiseismicsystems.org