Psicologia: sfiduciare la minoranza egoista favorisce la cooperazione

MeteoWeb

maniLe generazioni future avranno maggiori possibilita’ di contare sulla propria porzione di risorse del mondo se la politica riuscira’ ad emarginare la minoranza di egoisti, favorendo democraticamente la cooperazione e la reciprocita’. Lo ha dimostrato un nuovo studio dell’Harvard University, pubblicato su Nature, grazie ad un gioco, l’Intergenerational Goods Game, che stabilisce in che modo gli individui possono cooperare con le generazioni successive. I partecipanti hanno formato gruppi di cinque generazioni e scelto come ottenere il massimo da una risorsa rinnovabile. Se l’azione e’ stata promossa in maniera sostenibile le risorse sono aumentate e sono state passate alla generazione successiva ma se una generazione ha promosso uno sfruttamento eccessivo i profitti del futuro sono venuti meno. Il modello dimostra che, sebbene la maggior parte degli individui tenda a cooperare, una minoranza di giocatori egoisti impoverisce costantemente le risorse disponibili. Tuttavia, aggiungendo la possibilita’ di stabilire democraticamente la gestione delle ricchezze – permettendo in pratica ad ogni membro del gruppo di votare il livello di sfruttamento della propria generazione e ricavare una media di sfruttamento tra i gruppi – si aumentano i comportamenti cooperativi e la sostenibilita’ delle risorse, a patto che il voto sia vincolante. Il voto medio ha questo effetto in parte perche’ la maggioranza cooperativa prende piu’ voti della minoranza egoista e in parte perche’ ognuno all’interno di una generazione riceve cosi’ la stessa quantita’ di risorse senza rischiare di diventare la generazione meno fortunata.