Tra qualche ora l’innocuo passaggio dell’asteroide 2014 HQ124: ma cosa accadrebbe se ci colpisse?

MeteoWeb

impatto-asteroideL’asteroide 2014 HQ124 è sempre più vicino. Poco dopo le 8 di domattina, la roccia spaziale transiterà a 3,25 volte la distanza che ci separa dalla Luna, senza alcuna possibilità di impatto. E l’umanità ringrazia. L’asteroide, le cui ultime stime lo mostrano come una vera e propria collina di 335 metri, sarebbe in grado di arrecare serissimi danni alla popolazione mondiale in caso di impatto. “Se colpisse una città, sarebbe in grado di spazzarne l’intera area metropolitana“, spiega Mark Boslough del Sandia National Laboratories nel nuovo Messico. La roccia spaziale viaggia a 50 mila chilometri all’ora, ma se fosse diretto verso di noi, la gravità terrestre ne aumenterebbe la velocità sino a 64.000 Km/h, sprigionando un’energia pari a 2.000 megatoni. Per confronto, la bomba atomica che gli Stati Uniti sganciarono sulla città giapponese di Hiroshima durante il secondo conflitto mondiale, sprigionò 15 chilotoni (un megatone equivale a 1000 chilotoni).

Simulazione di un impatto cosmico
Simulazione di un impatto cosmico

La sua composizione non è nota con certezza, ma sarebbe in grado di aprire un cratere di circa 3 chilometri, rompendo i vetri delle finestre a causa dell’onda d’urto anche a 100 chilometri di distanza. La sua scoperta, avvenuta lo scorso 23 Aprile 2014, non avrebbe dato molto tempo per organizzare una missione spaziale in grado di deviare la sua traiettoria. Tuttavia, il JPL a Pasadena sarebbe stato in grado di capire l’esatta posizione di caduta, permettendo di organizzare una massiccia campagna di evacuazione. A differenza degli oggetti più piccoli è veramente raro che un asteroide di queste dimensioni possa sbattere sulla Terra senza essere intercettato qualche mese prima. Sempre che che l’oggetto non sia così tanto grande da rendere inutile un’evacuazione da un punto all’altro della Terra.

Questo scenario apocalittico serve a sensibilizzare il grande pubblico sul pericolo che questi oggetti possono arrecare al nostro pianeta. Scenari che il mondo ha già vissuto e che sicuramente vivrà ancora. Tuttavia, i tempi di ritorno di tali eventi possono essere calolati su scale enormi, talvolta di svariati migliaia di anni. Per non farsi cogliere impreparati, la NASA scandaglia continuamente il cielo notturno alla ricerca di oggetti che potrebbero intersecare l’orbita della Terra in qualsiasi momento. Gli scienziati stimano che il 95% degli oggetti di almeno 1 Km siano stati osservati e catalogati. Ma si stima che ci siano almeno 1 milione di asteroidi di almeno 30 metri di larghezza che potrebbero arrecare danni su scala regionale, e di questi, ne sono conosciuti meno dell’1%.