Ricerca: scienze della terra e risorse naturali, il confronto Italia-Usa

MeteoWeb

ricerca medica 1Oltre cinquanta ricercatori collegati in videoconferenza dalle due sponde dell’Atlantico, cinque tavoli tematici e decine di “best practice” condivise. Sono i numeri del gruppo di lavoro Italia-Usa su Scienze della terra e risorse naturali che si e’ riunito al Ministero degli Affari Esteri nell’ambito del piano di cooperazione scientifica e tecnologica tra Roma e Washington. Obiettivo: condividere attivita’ diricerca e sperimentazione a carattere multidisciplinare per assicurare lo sviluppo di conoscenze e metodologie, cosi’ come definito nell’Action Plan allegato alla Dichiarazione congiunta Italia-Stati Uniti per gli anni 2014-2015, firmata lo scorso 13 dicembre a Washington. Tra gli enti di ricerca coinvolti, oltre l’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv) e l’U.S. geological survey (Usgs) i due capofila dell’iniziativa, erano presenti il Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr), l’Agenzia spaziale italiana (Asi), l’Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile (Enea), l’Istituto nazionale di fisica nucleare (Infn), l’Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale (Ispra) e, da parte americana, la National aeronautics and space administration (Nasa), il National oceanic and atmospheric administration (Noaa), il Department of energy (Doe). I relatori italiani e statunitensi – collegati in videoconferenza dal Ministero degli Esteri, dall’Ambasciata italiana a Washington e dai rispettivi dipartimenti – hanno potuto fare il punto sui progetti congiunti, definendo per ognuno di essi le linee d’azione per il futuro. A margine dell’evento, il presidente dell’Ingv Stefano Gresta e il direttore dell’Ufficio programmi internazionali di Usgs Victor Labson hanno siglato, presso la sede dell’Ingv a Roma, una lettera di intenti, con annesso programma delle attivita’, per la promozione di iniziative congiunte nel campo delle ricerche e delle tecnologie orientate al monitoraggio delle aree sismiche e vulcaniche e nell’approfondimento delle ricerche in campo geofisico. “L’accordo sottoscritto mette in evidenza le tante aree di interesse comune tra i due istituti e le grandi potenzialita’ della cooperazione sia in ambito di ricerca che di monitoraggio geofisico e ambientale – ha commentato Gresta -. Piu’ in generale, il meeting ospitato in Farnesina ha dimostrato quanto sia importante e costruttiva la collaborazione tra i diversi attori italiani nel settore delle Scienze della terra e delle risorse naturali e la conseguente interazione del nostro network nazionale con i colleghi statunitensi, per migliorare le conoscenze scientifiche e tecnologiche anche mediante programmi di mobilita’ tra i ricercatori dei due Paesi”.