Salute: creati batteri ingegnerizzati che inducono a mangiare di meno

MeteoWeb

ricerca medicaUn gruppo di scienziati americani e’ riuscito a modificare geneticamente alcuni batteri in modo che questi potessero poi essere impiegati per far mantenere la linea. Almeno questo e’ quanto dimostrato in un gruppo di topolini di laboratorio da Sean Davies e colleghi della Vanderbilt University di Nashville. I livelli di obesita’ sono in aumento in tutto il mondo e, con essi, l’incidenza di diabete, malattie cardiache, e altre gravi patologie. I batteri all’interno dell’intestino di un individuo possono influenzare la sua suscettibilita’ a questi disturbi. L’alterazione della popolazione microbica all’interno dell’intestino potrebbe prevenire o invertire l’obesita’. Nel nuovo studio pubblicato sul ‘Journal of Clinical Investigation’ gli scienziati hanno mostrato che batteri opportunamente modificati possono prevenire l’aumento di peso nei topi. I ricercatori hanno prodotto batteri che rilasciano un composto chiamato Nape, che invia segnali al cervello per indurlo a smettere di mangiare. I topi che avevano consumato i batteri Nape mangiava di meno quando veniva loro somministrato cibo ad alto contenuto di grassi, il che limitava l’aumento di peso e i sintomi associati.