Spazio: la sonda spaziale Rosetta sempre più vicina alla cometa Churyumov-Gerasimenko

MeteoWeb

rosettaLa sonda spaziale Rosetta è sempre più vicina alla ‘sua cometa’, la misteriosa Churyumov-Gerasimenko. Da quanto confermato dall’Agenzia spaziale italiana, la sonda ha infatti effettuato le manovre di avvicinamento verso la cometa, realizzando una seconda frenata. Lanciata il 2 marzo del 2004 con Ariane 5, la missione di Rosetta è considerata una delle più affascinanti e ambiziose tra le attività spaziali dell’Agenzia Spaziale Europea (Esa) e conta un importante contributo dell’Agenzia Spaziale Italiana (Asi), inoltre ben otto dei 21 strumenti a bordo di Rosetta sono italiani. Come la Famosa Stele di Rosetta, la sonda europea andrà a caccia di importanti informazioni capaci di farci decifrare i segreti e gli enigmi delle comete, per comprendere meglio i segreti che ancora avvolgono la nascita del nostro sistema solare. Dopo un viaggio di 10 anni nello spazio realizzato in pieno ‘letargo’, la sonda Rosetta ha ripreso le sue attività a inizio anno quando al suo ‘risveglio’ ha inviato a gennaio, al centro di controllo dell’Esa Esoc, il segnale con tutti i dati relativi al suo stato interno. Il momento della ripresa delle attività è stato codificato nel software di bordo ed il risveglio di Rosetta è avvenuto in maniera automatica senza segnali provenienti dalla Terra. A partire dal mese di aprile, sono seguiti gli eventi di check-up per i diversi strumenti scientifici e sottosistemi di bordo, mentre a maggio sono iniziate le manovre di avvicinamento alla cometa con cui Rosetta avrà un ‘incontro ravvicinato’, previsto per agosto, che consentirà l’avvio delle prime osservazioni a distanza (global mapping). A novembre il lander Philae che si trova all’interno di Rosetta si separerà dalla sonda madre per posarsi finalmente sulla sua cometa. La sonda e la cometa viaggeranno insieme, raggiungendo il perielio nell’agosto del 2015 per poi allontanarsi dal Sole. La sonda sarà in grado di comunicare e inviare dati scientifici fino a dicembre del 2015.