Terremoti in Oklahoma, Texas e Kansas: tanti dubbi sul fracking

MeteoWeb

Fracking In CaliforniaI residenti dell’Oklahoma, del Texas e del Kansas sono sempre più preoccupati per l’aumento dei terremoti, in due Stati che storicamente hanno avuto una bassa attività sismica. I cittadini credono che a causarli possano essere effetti collegati all’aumento del fracking per estrarre gas e petrolio dal sottosuolo.
Tra gennaio e maggio – scrive il Guardian – l’Oklahoma ha registrato 150 scosse, anche se la maggior parte erano così deboli da non aver causato alcun danno. Adesso dopo anni di richieste le autorità di Oklahoma, Texas e Kansas hanno deciso di rivedere i dati scientifici sulla questione per dare una risposta ai cittadini.
I politici dei tre Stati si sono incontrati per la prima volta lo scorso marzo a Oklahoma City per confrontare i dati e iniziare un piano comune di analisi. Tuttavia i sismologi – e l’industria del gas e del petrolio – sostengono che non esista un rapporto di causa-effetto tra le trivellazioni e i terremoti. In tutto i Paese ci sono oltre 150.000 impianti di estrazione, facendo riferimento ai dati della Society of Petroleum Engineers. Solo per una manciata di questi è stato provato che inducono attività sismiche.