Ambiente: divieto di balneazione a San Benedetto del Tronto

MeteoWeb

mareDivieto di balneazione nel tratto di mare antistante la foce del torrente Albula a San Benedetto del Tronto dopo che l’Arpam ha rilevato una concentrazione di batteri escherichia coli e di enterococchi superiore ai limiti di legge, nel prelievo effettuato il 21 luglio scorso (Giornata di forti piogge). Il divieto interessa un tratto compreso tra 50 metri a nord e a sud della foce del ed e’ valido fino a nuova comunicazione dell’Arpam. “Purtroppo, come accadde anche l’anno scorso, paghiamo gli effetti delle piogge sull’acqua che dall’Albula finisce in mare – spiega l’assessore all’Ambiente Paolo Canducci – gia’ questa mattina pero’ erano in programma le controanalisi dell’Arpam che speriamo possano consentirci di revocare il divieto al piu’ presto”. Secondo Canducci “e’ assolutamente necessario comprendere da dove provengano gli elementi inquinanti. Per questo motivo la polizia municipale ha avviato, contestualmente ai controlli Arpam in mare, delle verifiche lungo l’asta fluviale dell’Albula e del Ragnola che si prolungheranno anche nei prossimi giorni con il supporto dei loro colleghi di Acquaviva e Monteprandone. Insieme ai Comuni contermini vogliamo capire dove si verificano sversamenti non autorizzati per adottare le opportune e drastiche misure”.