L’inquinamento ha conquistato il Polo Sud prima dell’uomo: Antartide soffocato da 660 tonnellate di piombo

Cosi-cambiera-l-Antartide-e-i-nostri-mari_h_partbL’inquinamento ha conquistato il Polo Sud prima dell’uomo. Alla fine dell’Ottocento, quasi trent’anni prima della spedizione dell’esploratore norvegese Roald Amundsen, gli inquinanti di origine industriale hanno fatto registrare la prima impennata nella storia del continente bianco: da allora, l’Antartico e’ stato soffocato da 660 tonnellate di piombo, proveniente soprattutto dall’Australia. Lo dimostra la mappa ottenuta da 16 ‘carote’ di ghiaccio in cui e’ racchiusa la storia degli ultimi quattro secoli dell’Antartico: le hanno analizzate i ricercatori statunitensi del Desert Research Institute (Dri) nel Nevada, che pubblicano i risultati del loro studio sulla rivista Scientific Reports. I dati mostrano una prima impennata degli inquinanti nel 1880, quando la concentrazione del piombo (usato come indicatore) si e’ improvvisamente moltiplicata per sei. Il picco piu’ alto in assoluto e’ stato registrato nel 1900: i livelli si sono mantenuti elevati fino alla fine degli anni Venti, con una piccola flessione in corrispondenza della crisi del ’29 e della fine della Seconda Guerra Mondiale. Le concentrazioni di piombo sono poi rapidamente aumentate fino al 1975, mantenendosi elevate fino agli anni Novanta. Da allora i livelli sono diminuiti, pur restando quattro volte superiori a quelli dell’epoca pre-industriale. ”I nostri nuovi dati dimostrano il drammatico impatto che le attivita’ industriali e l’uso dei combustibili fossili hanno avuto perfino sulle zone piu’ remote del mondo”, afferma il coordinatore dello studio Joe McConnell. ”E’ chiaro – aggiunge – che la contaminazione da piombo di origine industriale era pervasiva nell’Antartico gia’ alla fine del XIX secolo, oltre vent’anni prima che i primi esploratori arrivassero al Polo Sud. E’ a dir poco sorprendente pensare che Amundsen e Scott abbiamo viaggiato sopra della neve chiaramente gia’ contaminata dal piombo prodotto dalle fonderie e dalle miniere australiane, e che i livelli di allora fossero gia’ elevati come quelli degli anni successivi”.