Maltempo Lombardia: “il problema del Seveso è la scarsa manutenzione”

seveso24“Durante l’emergenza, l’Aipo ha aperto immediatamente le paratoie del canale scolmatore di nord ovest, indipendentemente dal preavviso di criticita’: il problema e’ anche legato a una situazione ormai storica della citta’, ossia la scarsa manutenzione del sistema idraulico e fognario”. Lo dichiara in una nota l’assessore alla Protezione Civile della Lombardia, Simona Bordonali, sull’esondazione del Seveso a Milano. “Non vorrei – sostiene dopo un vertice col Comune di Milano – che la causa principale dell’allagamento fosse proprio questa”. Quanto alle polemiche sollevate dal Pd sulla mancata allerta, la scorsa notte, della Protezione civile lombarda, l’assessore risponde che “la Protezione civile della Regione Lombardia stanotte ha attivato tutte le procedure previste dal protocollo e grazie ai tecnici e ai volontari che sono intervenuti, la situazione sta tornando alla normalita’ e siamo riusciti a contenere i danni”. ‘La Giunta della Regione Lombardia – ha aggiunto in un’altra nota Viviana Beccalossi, assessore al Territorio – fin dall’inizio del suo mandato ha posto al centro dell’attenzione il problema messa in sicurezza di Milano. Proprio in tal senso abbiamo gia’ stanziato 34 milioni di euro per il Seveso, a cui si sommano altri 20 milioni di euro per una serie di opere gia’ in corso o in fase di progettazione per il Lambro, altro fiume problematico per la citta”’. Quanto alle vasche di laminazione di Senago, ha detto Beccalossi, ”fanno parte di un sistema di opere previste in quattro siti diversi, che consentiranno lo stoccaggio di 4,5 milioni di metri cubi d’acqua in caso di piene eccezionali, riducendo in modo sostanziale un problema che dura da troppi anni, ed e’ per questo che entro la fine del mese l’Aipo presentera’ il primo stralcio del progetto, che verra’ completato entro ottobre”. Per questo intervento, ha concluso l’assessore, ”la Regione Lombardia ha gia’ stanziato dieci milioni di euro” e ”a questo punto anche il Comune di Milano e’ chiamato a fare la sua parte e garantire i venti milioni di euro necessari alla realizzazione completa dell’intervento previsto a Senago: al sindaco Pisapia spetta anche il compito di convincere il sindaco di Senago, da sempre a lui vicino, ad abbandonare le barricate”.