Salute: 5 porzioni di frutta e verdura sono sufficienti, 7 non aumentano i benefici

MeteoWeb

MANGIA MELA - CopiaBastano 5 porzioni giornaliere di frutta e verdura per ridurre il rischio di morte. Andare oltre sembrerebbe non avere alcun ulteriore effetto benefico, dicono i ricercatori di Harvard e dell’Eunice Kennedy Shriver National Institute of Child Health and Human Development sulla rivista ‘British Medical Journal’. Lo studio va contro un’altra ricerca recentemente secondo cui le porzioni di frutta e verdura dovrebbero essere almeno 7 al giorno. Il team di ricercatori cinesi e americani hanno voluto chiarire la situazione esaminando l’associazione tra l’assunzione di frutta e verdura e il rischio di morte per tutte le cause, per motivi cardiovascolari e per cancro. Hanno analizzato i risultati di 16 studi condotti su un totale di 833.234 partecipanti e 56.423 decessi. Il maggiore consumo di frutta e verdura è risultato significativamente associato a un minor rischio di morte per tutte le cause, in particolare per malattie cardiovascolari. Il rischio di morte per tutte le cause è stato ridotto del 5% per ogni porzione giornaliera aggiuntiva di frutta e verdura, mentre il rischio di morte cardiovascolare è stato ridotto del 4% per ogni ‘surplus’ di mele, pesche o pomodori. Ma i ricercatori hanno identificato una ‘soglia’ di circa 5 porzioni al giorno, oltre la quale il rischio di morte non si riduce ulteriormente. I ricercatori dicono che il loro studio “supporta le attuali raccomandazioni di aumentare il consumo di frutta e verdura per promuovere la Salute e longevità”.