Salute: la mela non è peccato, per le donne è afrodisiaca

MELA CUORE - CopiaDopo essere state l’icona del ‘frutto proibito’ e del peccato originale nel giardino dell’Eden uno studio italiano rivela che sono, invece, afrodisiache per le donne. Una “mela al giorno”, meglio ancora se piu’ di una, stimolerebbe l’eccitazione ed esalterebbe il piacere sessuale nelle donne. Ad evidenziare l’associazione tra il consumo di mele e una migliore qualita’ della vita sessuale femminile, Riccardo Bartoletti dell’Universita’ degli Studi di Firenze. Lo studio e’ pubblicato sulla rivista Archives of Gynecology and Obstetrics. Bartoletti e i suoi colleghi hanno coinvolto 731 donne italiane in buona salute tra i 18 ed i 43 anni. Hanno suddiviso il campione in due gruppi a seconda di quante mele ciascuna donna consumasse mediamente ogni giorno, se meno di una o piu’ di una al giorno. Poi hanno sottoposto l’intero campione al questionario che di routine si usa per misurare la qualita’ della vita sessuale delle donne, chiamato ‘Female Sexual Function Index’ (FSFI). Ebbene, e’ emerso che le donne che consumavano una o piu’ mele al giorno totalizzavano un punteggio maggiore a questo indice di riferimento FSFI, il che significa che hanno una funzionalita’ sessuale globalmente migliore, quindi maggiore capacita’ di eccitazione e raggiungimento del ‘climax’. Secondo i ricercatori italiani il motivo potrebbe essere che le mele contengono una sostanza chiamata florizina, che chimicamente e’ molto simile all’ormone femminile estradiolo, indispensabile alla lubrificazione vaginale e alla sessualita’ femminile.