S’infuoca il deserto algerino, sempre più vicini i fatidici +50°C nelle aree più interne

MeteoWeb

Algeria, Sahara, Hoggar (Ahaggar Mountains), the summits are colouringLo stazionamento del baricentro dell’opprimente promontorio anticiclonico nord-africano sopra l’entroterra desertico algerino sta favorendo una netta intensificazione della calura su gran parte dell’Algeria e della Libia meridionale, dove i termometri hanno per pochi decimi sfiorato la soglia dei fatidici +50°C. Proprio nella giornata di ieri il termometro ha varcato la soglia dei +49°C in varie località del deserto algerino. Vicino ai rispettivi record assoluti in Algeria, Timimoun con +49.2°C (record +50.0°C) e Ouergla con +49.1°C (record +49.7°C). Ma nei prossimi giorni, l’azione delle forti “Subsidenze atmosferiche” e la persistenza dell’aria calda e molto secca a tutte le quota sopra i deserti dell’Algeria centrale potrebbero determinare un ulteriore recrudescenza della calura, tanto che in alcune depressioni salate la colonnina di mercurio potrà sfiorare il muro dei primi +50°C.