Staminali: un’iniezione di giovinezza e forza per i muscoli

MeteoWeb

CELLULE STAMINALI RIPROGRAMMATE - CopiaUn’iniezione di giovinezza e forza per i muscoli, sfiancati da un esercizio di resistenza. Il tutto grazie alle cellule staminali mesenchimali. Un recente studio, condotto sui topi, ha mostrato che queste cellule aiutano a ringiovanire i muscoli spossati dopo un’attività fisica intensa. Iniettando le staminali nei muscoli delle zampe degli animali prima di una serie di esercizi (simili alle contrazioni eseguite da persone che fanno un allenamento di resistenza), i ricercatori sono stati in grado di aumentare il tasso di riparazione e la forza di questi muscoli nei topi sotto ‘allenamento’. I risultati, descritti dal team dell’University of Illinois su ‘Medicine and Science in Sports and Exercise’, potrebbero un giorno portare a nuovi approcci per combattere il declino muscolare legato all’età, spiega al ricercatrice Marni Boppart, che ha diretto lo studio. “Siamo interessati a comprendere in che modo i muscoli rispondono all’esercizio, e quali componenti cellulari contribuiscono all’aumento della riparazione e alla crescita muscolare – spiega – ma il primo obiettivo del nostro laboratorio è quello di comprendere in che modo possiamo ringiovanire i muscoli, in modo da prevenire la disabilità che si manifesta con l’età, e di aumentare la qualità della vita generale”. Le staminali mesenchimali si trovano naturalmente nell’organismo e sono in grado di differenziarsi in diversi tipi di cellule. Ebbene, secondo il lavoro queste staminali secernono fattori di crescita che stimolano le cellule precursori del muscolo, chiamate cellule satelliti, ad espandersi nei tessuti, e contribuiscono a ripararli dopo un trauma. Una volta presenti e attive, le cellule satelliti si fondono con le fibre muscolari danneggiate, formando nuove fibre per ricostruire il muscolo e aumentarne la forza. “Il trapianto di staminali mesenchimali può offrire una soluzione valida per ‘svegliare’ le cellule satelliti ‘invecchiate'”, conclude la studiosa.