Tecnologia: un occhio elettronico per scovare le tossine nel latte

MeteoWeb

tossineLatte e formaggi più sicuri grazie ad un nuovo ‘occhio’ elettronico capace di scovare in tempi ultra rapidi la presenza di tossine contaminanti: questo sistema di rilevazione sta prendendo forma nei laboratori della Fondazione Bruno Kessler di Trento e sarà pronto entro due anni grazie al progetto ‘Symphony’, finanziato dall’Unione Europea con oltre due milioni di euro. Il dispositivo consentirà di eseguire controlli più veloci, economici e capillari riducendo le perdite legate alla distruzione degli alimenti inquinati. ”Con il nostro nuovo sistema miniaturizzato e portatile vogliamo facilitare l’identificazione dell’aflatossina M1”, spiega il coordinatore del progetto Leandro Lorenzelli, responsabile di ricerca Microsistemi della Fondazione Kessler. ”Si tratta di una sostanza cancerogena – aggiunge – prodotta da un fungo che infesta i mangimi e che può essere trasferito nel latte dell’animale intossicato: è un problema emergente per il settore lattiero-caseario, forse legato ai cambiamenti climatici”. La sua identificazione ultra rapida sarà possibile in tre semplici passaggi: la preparazione del campione da analizzare, grazie ad un sistema microfluidico (un materiale polimerico disegnato da microscopiche scanalature) che separa il siero contenente la tossina dalla matrice grassa dl latte; la ‘cattura’ della tossina, grazie ad acidi nucleici artificiali chiamati aptameri; infine, il riconoscimento della tossina ‘imbrigliata’ grazie a sensori ottici ad alta precisione. ”Grazie a questo sistema – conclude Lorenzelli – sarà possibile dimezzare i tempi per l’identificazione dell’aflatossina, passando dall’ora attualmente necessaria a 20 minuti”.