Tecnologia: robot umanoidi a Milano

robotRobot umanoidi e quadrupedi, robot ispirati agli insetti, alle piante, ai pesci e ai microorganismi, e interfacce tra sistemi artificiali e sistemi biologici. Questi i temi della conferenza internazionale “Living Machines”, che, dopo la prima edizione a Barcellona e la seconda a Londra, arriva a Milano. I tre giorni di conferenza si terranno al Museo Nazionale della scienza e Tecnologia “Leonardo da Vinci”, dal 30 luglio all’1 agosto, e sono organizzati dal consorzio europeo Convergent Science Network of Biomimetics and Neurotechnology (Csnetwork), con la collaborazione dell’Istituto Italiano di Tecnologia (Iit). L’evento è supportato dal programma Europeo Future and Emerging Technologies (Fet).

Le conferenze “Living Machines” sono un incontro annuale degli scienziati che studiano gli organismi viventi per replicarne le caratteristiche e il funzionamento in robot e sistemi artificiali, cioè in macchine viventi, e per sviluppare tecnologie che permettano la creazione di entità ibride uomo-macchina, in cui la macchina agisce a supporto o a sostituzione di strutture biologiche umane, come per esempio protesi per gli arti e per il cervello. Alla conferenza, infatti, partecipano scienziati di diverse discipline, i cui risultati convergono verso la definizione di tecnologie bio-mimetiche e capaci di integrarsi con gli esseri viventi.
Il programma dell’evento a Milano prevede un primo giorno di seminari tematici (il 29 luglio), una conferenza di tre giorni (30 luglio-1 agosto) e una sessione dimostrativa di progetti robotici in fase di sviluppo (31 luglio). I relatori, provenienti da tutto il mondo, tratteranno temi quali: la robotica umanoide, i robot ispirati agli insetti, alle piante, ai pesci e ai microorganismi, le interfacce tra sistemi artificiali e sistemi biologici, l’emersione di comportamenti sociali all’interno di sistemi bio-ibridi, il concetto di sé nei robot.