Tumori: mappati 100mila DNA per aiutare la ricerca

MeteoWeb

X-Ray DnaUn progetto pionieristico che potrebbe un giorno essere determinante nella lotta ai tumori e alle malattie genetiche rare. E’ il sequenziamento di 100 mila genomi promosso dal National Health Service (Nhs), l’omologo del Servizio sanitario pubblico, e affidato alla società statunitense Illumina. Un contratto – riporta l’ ‘Indipendent’ – del valore di 100 milioni di sterline. Il progetto ‘Genomics England’ non è l’unico nel suo genere a livello internazionale, ma è il più ambizioso per la scala d’impatto dello screening. Il numero totale dei partecipanti sarà però di circa 70 mila soggetti, questo perché per i pazienti oncologici è previsto il sequenziamento sia del patrimonio genetico ereditato da entrambi i genitori che quello del tumore. I volontari che si sottoporranno al test potranno scoprire i dettagli sul loro genoma, ad esempio la presenza di eventuali geni legati ad un alto rischio oncologico. Tutte le prove saranno poi pubblicate online e messe a disposizione gratuitamente della comunità scientifica. L’obiettivo, già annunciato dal Governo inglese, è quello di arrivare ad avere i 100 mila genomi entro il 2017.