Bomba d’acqua Refrontolo: stanziati 4 milioni di euro per i primi interventi

MeteoWeb

ITALY-FLOODLa Regione Veneto ha stanziato, con la giunta di oggi, 4 milioni per i primi interventi nella zona di Refrontolo, dove sabato notte sono morte quattro persone. Ad annunciarlo il presidente della Regione, Luca Zaia, che ha spiegato come “1 milione di euro sia per le opere di messa in sicurezza secondo i dettami della protezione civile” mentre altre altri “3 milioni” sono “per ripristinare la normalita'”, come ad esempio dei lavori in una localita’ di Tarzo, dove 11 famiglie dopo l’esondazione di un torrente, hanno i tubi dell’acqua e dell’elettricita’ all’aria aperta perche’ l’acqua ha ‘mangiato’ mezzo parcheggio, o il ponte di Refrontolo, che non e’ attraversabile e lascia famiglie isolate, nuovi guardrail e attivita’ di pulizia. Zaia ha anche invitato tutti i veneti a dare un segno di ‘lutto’ per giovedi’, quando alle 15 ci saranno i funerali delle quattro vittime. “Chi vuol fare il lutto regionale lo puo’ concretizzare con la bandiera a mezz’asta nel caso delle istituzioni o, per chi ha un negozio, con una coccarda nera, spegnendo le luci o abbassando la saracinesca per qualche minuto. E’ importante che la comunita’ veneta sia vicina a queste famiglie”, ha aggiunto Zaia, che ha sottolineato come la Regione stia “gia’ cercando di seguire situazioni familiari” delle vittime.