Clima: l’aumento delle temperature nell’oceano Pacifico provocato dai venti locali, non dal global warming

MeteoWeb

Pacific Warming StudyUn nuovo studio pubblicato poche ore fa illustra una nuova importante scoperta sul clima mondiale: l’aumento delle temperature dell’oceano Pacifico al largo del nord America nel secolo scorso, infatti, è stato provocato da naturali cambiamenti del vento e non dall’aumento di emissioni di gas serra legate al riscaldamento globale. Lo studio, infatti, ha confrontato le temperature superficiali oceaniche tra il 1900 e il 2012 misurando anche la pressione dell’aria e il conseguente vento, trovando una corrispondenza tra gli sbalzi locali. L’autore dello studio, Jim Johnstone, ha coordinato i lavori della ricerca inseme ad un climatologo del “Joint Institute for the Study of the Atmosphere and Ocean” dell’università di Washington.
Pacific Warming StudyLo studio è stato pubblicato nella sezione online della rivista “Proceedings of the National Academy of Sciences”, e non mette in discussione il global warming, ma sostiene le prove che almeno localmente i venti sono più importanti rispetto ai gas serra. “Quello che abbiamo scoperto – ha spiegato Johnstone – era un po’ sorprendente, ma poi è stato certificato da tutti gli studi”.
James Overland, oceanografo e ricercatore del NOAA, ha confermato come gli sbalzi naturali del venti hanno un’influenza diretta sulle superfici marine. Nel caso specifico, tra l’Alaska e le Hawaii fino al litorale di Oregon e California, le temperature sono aumentate di un grado Fahrenheit, “ma è per un motivo molto semplice e locale” spiegano gli studiosi.