Clima: la piattaforma Larsen si sciolse per l’aumento delle temperature

MeteoWeb

La disgregazione nel 2002 della piattaforma di ghiaccio di Larsen, un’enorme lastra delle dimensioni della Valle d’Aosta situata sulla costa orientale della Penisola Antartica, e’ il risultato dell’aumento della temperatura atmosferica e dello scioglimento della superficie del ghiaccio, piuttosto che del rapido cambiamento della struttura del ghiacciaio e delle variazioni di temperatura degli oceani. Lo sostiene uno studio pubblicato oggi su Science, frutto del lavoro di un team internazionale cui hanno preso parte anche gli italiani Michele Rebesco e Fabrizio Zgur, ricercatori dell’Istituto nazionale di oceanografia e di geofisica sperimentale di Trieste. Nell’indagine sono stati analizzati con il radiocarbonio i sedimenti prelevati al di sotto dei ‘Grounding Zone Systems’, le linee di distacco, cioe’ le aree in cui la transizione tra il ghiaccio continentale e le piattaforme di ghiaccio galleggiante aiutano a regolare il flusso di ghiaccio. I rilievi hanno mostrato che sul fondo del mare, dalla fine dell’ultima era glaciale, e’ cambiato molto poco, e che la perdita di contatto del ghiaccio con il fondo in questo sito risale circa 12mila anni fa. Cio’ significa, spiegano gli esperti, che il recente e rapido crollo della piattaforma di Larsen e’ stato probabilmente una risposta al clima piu’ caldo e al conseguente riscaldamento della superficie del ghiaccio, piuttosto che all’instabilita’ della linea di distacco e all’assottigliamento della piattaforma. La nuova scoperta, sottolineano i ricercatori, dimostra che le piattaforme di ghiaccio possono cambiare in periodi brevi, alla scala della vita umana, e che il riscaldamento della superficie dei ghiacci, generato da quello dell’atmosfera, e’ la causa scatenante dello sviluppo di pozze di fusione e crepacci, che permettono all’acqua degli oceani di infiltrarsi nei ghiacci e di provocare scioglimenti di grandi proporzioni.