“Dancing Traffic Light”, il semaforo danzante che coniuga sicurezza stradale e forma fisica

/
MeteoWeb

SEMAFORO DANZANTE COPLa casa automobilistica Smart ha promosso una simpatica e divertente iniziativa per rendere le città, soprattutto quelle più trafficate, dei luoghi più sicuri per i pedoni e per chi guida. Ha, infatti, ideato Dancing Traffic Light, un semaforo danzante che intrattiene i pedoni in attesa agli incroci, evitando che, impazienti, attraversino incautamente la strada. Il primo accattivante semaforo è stato installato in un incrocio di Lisbona, in Portogallo, e l’esperimento ha avuto l’esito sperato: l’81% della gente ha atteso correttamente il verde, senza passare col rosso, intrattenuta dai movimenti del semaforo. L’omino rosso, infatti, in questo caso non si limita a stare fermo come una guardia reale inglese, produce ndo veri e propri passi di danza sempre diversi poiché i suoi movimenti non sono decisi da un pc, ma riproducono quelli effettuati da persone in carne ed ossa, a pochi metri di distanza. I passanti, infatti, sono invitati ad entrare in una spaziosa cabina dove possono scegliere una musica di loro gusto, su cui iniziare a ballare.

SEMAFORO DANZANTE 3Le movenze vengono catturate da una telecamera e riprodotte in tempo reale dalla silhouette rossa del semaforo, all’angolo della strada, dove i passanti si fermano per assistere allo spettacolo. Dancing Traffic Light, come altre iniziative Smart, è un’idea per rendere la città un luogo più divertente, sostenibile e sicuro in cui vivere.
Proprio la sicurezza stradale è l’obiettivo primario dell’invenzione, in modo da evitare che l’impazienza dei pedoni li porti, durante l’attesa al semaforo, a mettere a repentaglio la loro incolumità durante uno sconsiderato attraversamento del rosso. Se a ciò si aggiunge l’idea di mantenersi in forma, rendendo anche piacevoli i movimenti di attesa durante gli spostamenti a piedi in città… ovvio che Dancing Traffic Light merita di essere sperimentato in alcuni contesti urbani. Dopo questa rivoluzionaria e bizzarra invenzione, ce ne sarà qualcuna per rendere meno noiosa la fila alla posta?!