Ebola, allarme della FAO: “in Africa cibo sempre più scarso e costoso”

MeteoWeb

ebola01Il virus Ebola potrebbe mettere in ginocchio anche la sussistenza alimentare dei paesi dell’Africa Occidentale che stanno combattendo contro l’epidemia: Guinea, Liberia e Sierra Leone. A lanciare l’allarme è oggi la Fao. “Le interruzioni degli scambi di merci e alimenti nella zona più colpita dal virus Ebola hanno reso il cibo sempre più costoso e difficile da trovare. Mentre la carenza di manodopera potrebbe mettere a rischio la prossima stagione del raccolto”, sottolinea in una nota la Fao. In Guinea, Liberia e Sierra Leone, le zone di quarantena e le restrizioni ai movimenti di merci e persone hanno “ridotto seriamente le attività commerciali – aggiunge l’agenzia delle Nazione Unite – inoltre l’epidemia ha gettato nel panico la popolazione che ha fatto acquisti dettati dal panico incrementando ancor di più la scarsità di cibo nei mercati e facendo impazzire i prezzi nei centri urbani”. Le due principali colture delle zone interessate all’epidemia, riso e mais, potrebbero soffrire per la carenza di operatori nelle aziende agricole, dovuta alle restrizioni dei movimenti e dei trasferimenti decise per fermare la diffusione del virus. “Un problema che potrebbe avere un enorme impatto sulla sussistenza alimentare della popolazione”, avvertono gli esperti. “L’accesso al cibo è diventato una preoccupazione pressante per chi vive nei tre paesi colpiti e nelle zone limitrofe”, spiega Bukar Tijani, rappresentante Regionale della Fao per l’Africa, che aggiunge “l’allarme sanitario avrà un impatto duraturo sui livelli di sussistenza degli agricoltori e delle economie rurali”.