Il giovane grifone “Acale” torna a volare in cielo grazie a facebook

MeteoWeb

Acale grifoneAcale “prima di essere rilasciato è stato pesato (9 chili) e opportunamente ‘inanellato'” spiega l’Uiza sottolineando che “d’ora in poi per tutti sarà il grifone Acale, mentre per i tecnici, gli esperti e i partners Uiza – Parco Natura, Giardino Zoologico di Pistoia, Parco Faunistico Cappeller – del progetto grifoni, l’uccello sarà riconoscibile con il codice identificativo F63 posto sull’anello in plastica”. La storia di Acale ha conquistato il popolo di Facebook. Dopo la nascita del rapace ad aprile scorso, a prendersi cura di lui, nei questi mesi prima della reintroduzione in natura, sono stati i suoi genitori il papà Dodo e la mamma Doda, venti anni tutt’e due. Dodo è un veterano della Riserva Naturale del Lago di Cornino dove è arrivato il 19 dicembre del 1993 dal Parco Natura Viva in cui ha trascorso i primi anni di vita per poi essere inserito nel progetto di reintroduzione. Il progetto Grifoni Osservati Speciali è di fatto, uno dei progetti di conservazione che gode di maggiore successo in Europa. “Sono cinque gli esemplari reintrodotti finora in natura nati tutti dalla coppia gestita in ambiente controllato. Il grifone rilasciato lo scorso anno, ad esempio, lo si vede regolarmente volare sopra i cieli della Riserva e sostare al punto di alimentazione” commenta Fulvio Genero, responsabile del progetto. “Il numero di grifoni che frequenta l’area delle Alpi orientali è salito a 250 durante il periodo estivo” riferisce Genero senza nascondere l’orgoglio per l’impegno ed il lavoro di tutti gli esperti del progetto Gifoni Osservati Speciali.