Green Italia: l’ONU smentisce i negazionisti dei cambiamenti climatici

MeteoWeb

climate_changeIl bollettino dell’Organizzazione meteorologica mondiale “smentisce drammaticamente e senza possibilita’ di appello i negazionisti dei cambiamenti climatici che nel mondo, e anche in Italia, hanno in questi anni continuato a sottovalutare e sminuire dati allarmanti relativi alla salute del pianeta”. Lo affermano gli esponenti di Green Italia Roberto Della Seta e Francesco Ferrante aggiungendo che “con una concentrazione di CO2 di quasi 400 parti per milione la crisi climatica subisce una brusca accelerazione, cui l’Europa e dunque anche l’Italia dovra’ porre rimedio in tempi brevi, intensificando l’utilizzo delle energie rinnovabili e migliorando sensibilmente l’efficienza energetica”. “Alla luce dei dati dell’agenzia dell’Onu – continuano gli esponenti ecologisti – le ultime misure di politica energetica dell’Italia appaiono ancora piu’ sconsiderate: l’apertura di una stagione di trivellazioni petrolifere per aumentare l’utilizzo degli idrocarburi, e la scelta di privilegiare il trasporto su gomma qualificano il governo Renzi come pericolosamente sbilanciato a favore del fossile e dell’aumento della CO2. Il rapporto mette nero su bianco che i fenomeni meteorologici stanno diventando sempre piu’ estremi a causa delle attivita’ umane, e una strategia di contrasto deve essere messa in campo da subito, anche in vista del meeting delle Nazioni Unite sul clima del prossimo anno a Parigi”. “L’Europa ha l’occasione di essere il leader globale nella lotta ai cambiamenti climatici, e il governo italiano dovrebbe improntare la propria presidenza dell’Unione europea per arrivare a una posizione forte, avanzata e coraggiosa, superando le resistenze dei paesi ancora adesso assestati su posizioni di retroguardia”, concludono Della Seta e Ferrante.