Grotte dell’Angelo di Pertosa-Auletta: un affascinante viaggio nelle viscere della terra [FOTO]

/
MeteoWeb

GROTTE ANGELONel verde della catena degli Alburni, a circa 70 km da Salerno, in un suggestivo anfiteatro naturale sono situate le Grotte di Pertosa-Auletta, denominate ufficialmente “Grotte dell’Angelo di Pertosa-Auletta”, la cui origine è fatta risalire a ben 35 milioni di anni fa, che sono le più importanti dell’Italia del Sud; le uniche ad essere attraversate da un fiume sotterraneo, il Tanagro o Negro, il cui corso è stato deviato a scopo di utilizzo energetico. L’entrata delle Grotte, così facendo, si è allargata, consentendo l’accesso all’interno solo tramite barchette guidate da guide esperte del Comitato Pro Grotte dell’Angelo. Il tratto iniziale, invaso dalle acque del Negro, proveniente dalle più inesplorate profondità, è il punto di partenza di un affascinante viaggio in barca fino a raggiungere un piccolo approdo da cui inoltrarsi nelle viscere della terra, in un silenzio magico, tra giochi di luci ed ombre.

GROTTE ANGELO 4L’ambiente è surreale e davanti agli occhi del visitatore si aprono cunicoli, gallerie e caverne , tra gruppi di stalattiti e stalagmiti che hanno dato vita a forme misteriose, cui sono stati dati nomi di fantasia. Proprio qui gli uomini dell’Età del Bronzo e forse anche della Pietra costruirono le loro palafitte e, per via del particolare clima e del tasso di umidità, i resti lignei di quelle antiche costruzioni, giunti quasi intatti sino a noi, testimoniano l’avvenuto insediamento e la loro lunga permanenza. Anche i Greci e i Romani scelsero queste caverne naturali per i loro rituali e le cerimonie sacre. Le grotte divennero, poi, rifugio dei Cristiani, che potevano pregare al sicuro da ogni pericolo, oltre ad essere impiegate come rifugio antiaereo dagli abitanti del Vallo. E’ possibile visitarle tutto l’anno, accompagnati dal personale esperto, scendendo nelle viscere della terra per assaporare l’ebrezza di un’esperienza unica. L e Grotte dell’Angelo sono facilmente raggiungibili attraverso l’autostrada A3 Salerno – Reggio Calabria con uscita a Petina oppure a Polla a soli 6 Km dalle rispettive uscite. A circa 200 metri dall’antro delle Grotte vi è un ampio parcheggio per auto e bus, mentre nei dintorni sono sorti efficienti luoghi di ristoro, dove si possono gustare le prelibatezze della cucina locale.