Maltempo Firenze: 23 alberi caduti, danni e allagamenti

MeteoWeb

firenze07“Innanzi tutto non si sono verificati incidenti gravi alle persone: 5 codici gialli, passati poi verdi nel corso dell’ospedalizzazione”. È questo il bilancio “piu’ importante” fatto dal sindaco di Firenze, Dario Nardella, al termine del vertice di Palazzo Vecchio sulle conseguenze della bomba d’acqua e di grandine che si e’ abbattuta intorno alle 13 in citta’. Se non ci sono stati feriti gravi, tuttavia, non sono stati mancati i problemi e i disagi. A partire dal tetto della scuola elementare Don Milani, nel Quartiere 4, dove le raffiche di vento “hanno divelto- sottolinea Nardella- una parte consistente del tetto”, anche se, fa notare il sindaco, “si tratta di una delle scuole messe peggio nel nostro territorio”. La scuola, assicura il sindaco, “restera’ chiusa al massimo fino a lunedi'”, “con 50.000 euro necessari per tamponare il danno- spiega Cristina Giachi, vicesindaco con delega all’istruzione- e 200.000 per rifare completamente il tetto”. Durante la bomba d’acqua e grandine “non ci sono stati problemi alle Cascine, nessun albero e’ franato a terra”. Diversa la situazione in altre aree della citta’- come in via della Colonna o via di Villamagna- dove complessivamente sono caduti “23 tra alberi e rami”. Otto in tutto gli “allagamenti”, con infiltrazioni che si sono registrate nei musei comunali, Palazzo Vecchio, Bardini e del Novecento, rimasti comunque aperti. La circolazione ne ha pesantemente risentito, “con sottopassi allagati ma gia’ riportati alla normalita'”, e la tramvia “rallentata”, mentre le corse dei bus hanno subito “forti ritardi”. Chiuso per sicurezza il Forte Belvedere, cosi’ come i parchi dell’Anconella e dell’Albereta; 19 i cornicioni lesionati. Per riportare strade e piazze alla normalita’, sono al lavoro per tutta la notte 6 spazzatrici, aiutate da 12 squadre della protezione civile. Infine, e’ stata annullata l’iniziativa della ‘Cena Bianca’ a piazzale Michelangelo prevista per stasera, con 1.200 persone, rinviata, “a data da definirsi”. Per adesso, ha concluso Nardella, “non abbiamo ancora un bilancio dei danni, anche se stiamo facendo tutte le ricognizioni del caso”.