Maltempo in Sicilia, isole Egadi flagellate: tragedia sfiorata a Marettimo

MeteoWeb

mareggiataLe mareggiate delle ultime ore hanno danneggiato alcune barche di pescatori a Marettimo, alle Egadi. “Un evento che ripropone con forza la necessita’ di interventi immediati e urgenti per dotare l’Isola di un porto sicuro, cosi’ come lo si attende da circa 50 anni e cosi’ per come l’Amministrazione Comunale lo reclama, con un progetto gia’ depositato lo scorso anno alla Regione, dopo la presentazione di un apposito progetto stilato e consegnato all’Ufficio Opere Marittime”, ha detto il sindaco dell’Arcipelago, Giuseppe Pagoto.

“Per rendere sicuro il porto di Marettimo e’ necessario subito un intervento della Regione siciliana, se necessario attraverso la Protezione civile, a stralcio degli interventi per i quali ho chiesto l’inserimento nella programmazione 2014/2020”. Cosi’ in una nota il deputato regionale Girolamo Fazio, dopo avere appreso dal sindaco delle Egadi, Giuseppe Pagoto, che una mareggiata ha danneggiato decine di barche ormeggiate nel porto di Marettimo, quattro delle quali addirittura affondate dalla forze delle onde. “L’avere previsto Marettimo nella programmazione infrastrutturale della Regione per i prossimi sei anni, obiettivo per il quale mi sono a lungo speso e per il quale ero moderatamente soddisfatto, mi pare oggi – aggiunge -, alla luce dei fatti, largamente insufficiente. E’ questa la ragione che mi spinge a chiedere alla Regione siciliana, attraverso il dipartimento della Protezione Civile se necessario, un intervento immediato perche’ si possa operare con uno stralcio dei finanziamenti previsti, anticipandoli e impegnandoli sul progetto preliminare che l’amministrazione comunale delle Egadi ha gia’ redatto e che, con ulteriore sforzo, rendera’ al piu’ presto definitivo. L’obiettivo e’ che tale progettazione possa divenire cantierabile almeno la parte della messa in sicurezza del bacino portuale e difendere cosi’ le imbarcazioni ormeggiate e le banchine interne dalla forza dei marosi”. “Ricordo – conclude Fazio – che il porto di Marettimo e’ di interesse e competenza esclusiva regionale e la messa in sicurezza risponde non solo all’esigenza dei diportisti ma anche degli operatori della pesca e del trasporto marittimo da e per l’isola che spesso non e’ raggiungibile non tanto per le generali condizioni del mare ma per l’effetto del moto ondoso all’interno del bacino portuale che non consente un ormeggio agevole e sicuro. Nel passato abbiamo assistito solo a dichiarazioni verbali. Se la Regione vuole davvero incrementare i flussi turistici nelle isole minori ed erogare servizi agli isolani non puo’ non intervenire in modo massiccio nei porti e tra questi Marettimo che gia’ qualche mese addietro con lo Scirocco subi’ analoghi danni. Questa e’ la volta buona che la Regione proceda senza indugio ad effettuare gli interventi necessari”.