Maltempo Toscana: agricoltura in ginocchio, stato di calamità

MeteoWeb

maltempo toscanaAgricoltura toscana in ginocchio, ma e’ urgente modificare gli strumenti di risarcimento attuali. Lo sottolinea la Cia Toscana il giorno dopo il tremendo nubifragio con grandinate e bomba d’acqua che ha colpito le campagne fiorentine, da Bagno a Ripoli fino al mare, seguendo il corso dell’Arno. E’ drammatica la prima stima dei danni secondo la Cia: flagellati vigneti, oliveti e produzioni ortofrutticole (oltre a strutture allagate e compromesse), anche del 100% come nell’area empolese, in particolare nel comune di Cerreto Guidi (frazione di Stabbia il luogo piu’ colpito) ma anche nei comuni di Fucecchio, Vinci, San Miniato (comunque l’intera area empolese-montalbano). “Stiamo monitorando fin dai minuti successivi al nubifragio ogni nostra singola azienda – dice Giordano Pascucci, direttore Cia Toscana -, in tutta l’area da Firenze al mare le colture piu’ colpite sono l’olivo e la vite, in alcuni casi la stagione e’ completamente compromessa. Segnaleremo al piu’ presto i danni esatti subiti in queste aree ai Comuni, Province e Regione”. La Cia Toscana chiedera’ l’attivazione dello stato di calamita’ “ma soprattutto – sottolinea Pascucci – chiediamo il ristorno del 100% dei danni. La frequenza di questo tipo di calamita’ (bombe d’acqua, grandinate, vento forte) che stanno martoriando sempre piu’ spesso la Toscana e che colpiscono zone circoscritte ma con danni totali per le singole aziende, impongono di passare a nuovi strumenti di risarcimento che mettano al riparo le aziende agricole. Gli attuali strumenti non sono piu’ sufficienti e le aziende agricole toscane rischiano per una bomba d’acqua di cinque minuti di vedere distrutto il lavoro ed il reddito di un anno intero. Situazione non piu’ sostenibile”.