Ricerca: tratti nordici e profilo orientale sono scritti nel DNA italiano

MeteoWeb

Golden gene in DNAGli italiani ‘nascondono’ tratti nordici e profilo orientale: discendono infatti anche da migranti dell’estremo Nord e da popoli nord-orientali che abitavano la Siberia circa 24.000 anni fa. E’ quanto e’ emerso da uno studio internazionale di genetica pubblicato sulla rivista Nature, cui hanno preso parte anche ricercatori dell’Universita’ Cattolica di Roma. Coordinato da scienziati della Harvard di Boston, lo studio si e’ basato sul confronto del Dna di individui moderni (anche italiani) e Dna fossile rinvenuto in resti archeologici risalenti a differenti eta’. “Abbiamo contribuito allo studio con campioni di Dna di individui del Sud Italia – spiega Francesca Brisighelli della Cattolica – in particolare Calabria e Sicilia. Abbiamo trovato nel nostro Dna la presenza di tracce di popoli antichi venuti da Nord Europa e Siberia”. Il lavoro si basa sullo screening di campioni di DNA antico estratti da resti ossei di 7000-8000 anni fa (provenienti da Lussemburgo e Svezia, e dalla Germania), confrontati col Dna di europei moderni. In totale sono stati analizzati piu’ di 2.400 genomi umani provenienti da circa 200 popolazioni europee: “il nostro contributo – spiega Brisighelli – ha riguardato proprio la produzione del dato genomico moderno ricavato da un numero di campioni distribuiti su tutta la Penisola Italiana”. Lo studio rivela che tutti gli europei, compresi quelli del Sud come noi, sono ‘figli’ anche di genti venute dal Nord e dalla Siberia, con tratti, dunque, anche orientali. Prima si riteneva discendessimo unicamente da due ‘popoli’ primitivi, le popolazioni di cacciatori-raccoglitori giunte dall’Africa piu’ 40.000 anni fa e un secondo grande gruppo di agricoltori provenienti dall’Oriente Medio che migrarono in Europa in tempi piu’ recenti. “Con la scoperta di questa terza popolazione ancestrale si aprono nuovi orizzonti di studio – conclude Brisighelli: negli studi futuri si cerchera’, con l’aiuto della genetica, di riscoprire e riscrivere le origini antropologiche europee”.