Salute: cibi scaduti per 8 su 10, allarme in dispensa dopo il rientro

MeteoWeb

cibo con caldoCon piu’ di otto italiani su dieci (81 per cento) che non buttano il cibo scaduto, al rientro dalle vacanze quest’anno e’ allarme in dispensa dove e’ necessario fare le verifiche indispensabili a garantire l’integrita’ dei cibi che si portano a tavola per evitare di avere spiacevoli disturbi. E’ quanto afferma la Coldiretti sulla base del rapporto 2014 di Waste watcher knowledge for Expo dal quale si evidenzia che nel 2014 sono aumentati del 18 per cento gli italiani che non gettano cibi scaduti, anche per colpa della crisi. L’associazione consiglia di verificare la data di scadenza dei cibi, che va distinta dal termine minimo di conservazione (TMC) riportato con la dicitura “da consumarsi preferibilmente entro” che indica la data fino alla quale il prodotto alimentare conserva le sue proprieta’ organolettiche e gustative, o nutrizionali specifiche in adeguate condizioni di conservazione, senza con questo comportare rischi per la salute in caso di superamento seppur limitato della stessa. Tuttavia, tanto piu’ ci si allontana dalla data di superamento del TMC, tanto piu’ vengono a mancare i requisiti di qualita’ del prodotto. La data di scadenza vera e propria – precisa Coldiretti – e’ anche il termine oltre il quale un alimento non puo’ piu’ essere posto in commercio. Tale data di consumo non deve essere superata altrimenti ci si puo’ esporre a rischi importanti per la salute. Si applica ai prodotti preconfezionati, rapidamente deperibili come il latte fresco (7 giorni) e le uova (28 giorni). Da un punto di vista microbiologico ed e’ indicata con il termine “Da consumarsi entro” seguito dal giorno, il mese ed eventualmente l’anno e vale indicativamente per tutti i prodotti con una durabilita’ non superiore a 30 giorni. Al rientro dalle ferie – continua la Coldiretti – una particolare attenzione deve essere riservata al controllo della funzionalita’ del freezer e del congelatore per sincerarsi che non vi siano state interruzioni del funzionamento. A questo proposito, lo sviluppo di ghiaccio sulle confezioni esterne di surgelati o anche della carne sta ad indicare che e’ avvenuta una interruzione del freddo ed e’ quindi consigliabile non consumare i prodotti interessati. All’interno del frigorifero vanno eliminate le confezioni gia’ aperte di latte, succhi di frutta o conserve come pure quelle di tonno e sottoli se l’olio non copre integralmente il prodotto. Anche le vaschette di yogurt che si presentano gonfie in modo anomalo sono pericolose perche’ possono essersi verificate fermentazioni indesiderate. Eliminare in ogni caso gli omogeneizzati gia’ aperti ed anche i salumi gia’ affettati che presentano segni di ossidazione come pure gli eventuali “avanzi” dimenticati alla partenza. Un consiglio che a maggior ragione va seguito se i prodotti gia’ aperti sono stati lasciati fuori dal frigorifero di casa. Occhio – avverte Coldiretti – anche all’eventuale sviluppo di muffe su formaggi o salumi. La frutta e la verdura devono essere controllate eliminando i pezzi avariati che fanno marcire anche gli altri. Nei legumi gia’ sgusciati potrebbero nascondersi insetti mentre nelle confezioni gia’ aperte la perdita di fragranza per biscotti o snack sta a significare l’assorbimento di umidita’. Anche il portapane va controllato perche’ il permanere di residui o briciole puo’ favorire le formiche o scarafaggi. La presenza di insetti che si manifestano con larve o minuscole farfalline puo’ riguardare anche – conclude la Coldiretti – le confezioni gia’ aperte di riso o pasta sulla quale si possono sviluppare muffe.