Salute, il nutrizionista: “dopo le vacanze fondamentali gli snack tra i pasti”

MeteoWeb

pistacchioIl segreto di una buona ripresa psicofisica dopo il rientro dalla vacanze è lo snack tra un pasto e l’altro, che non si deve mai ‘saltare’ ma, soprattutto, deve essere “sano e alternativo”. Mandorle, pistacchi, miele, frutta fresca, centrifughe varie e persino parmigiano, sono alcune tra le scelte giuste secondo Chiara D’Ottavio, biologa-nutrizionista. “Bisogna fare il pieno di vitamine e sali minerali per ‘superare’ bene il rientro. Ed è necessario mantenere una glicemia costante per essere attivi, far funzionare il cervello e lavorare meglio. Gli snack sono quindi fondamentali per non avere cali di zuccheri“, spiega l’esperta all’Adnkronos Salute. Tra un pasto e l’altro, spiega Chiara D’Ottavio, “non devono passare più di tre ore“. Ma gli spuntini – uno al mattino e uno al pomeriggio – devono fornire solo ciò che serve.

MANDORLE COP - CopiaLa frutta secca offre un buon apporto di sali minerali e vitamine. Le mandorle, in particolare, sono ricche di vitamina E e magnesio. Lo spuntino ideale è di 6 o 7 mandorle. Se mangiate insieme a 150 grammi di frutta, inoltre, permettono di rallentare l’assorbimento degli zuccheri forniti dalla frutta stessa. In questo modo la glicemia si mantiene costante. Si ha lo stesso effetto con una manciata di pistacchi invece delle mandorle“. Anche la frutta fresca da sola “è una buona alternativa. Un frutto e un caffè, vanno benissimo per spezzare. Ma sono ottimi anche i centrifugati, con o senza verdura. Una fetta biscottata con miele o uno yogurt ‘semplice’, senza coloranti a cui aggiungere ingredienti freschi (pesche, albicocche, uva ecc) se si preferisce“. Infine il gelato, merenda estiva per eccellenza, che deve essere “di frutta e rigorosamente artigianale, con un elenco di ingredienti il più corto possibile“.

CECIPer chi ama il salato “una buona idea è il parmigiano, un pezzettino da 30 grammi va benissimo. Contiene calcio e anche la vitamina D che aiuta ad assimilarlo: snack indicato, in particolare, per chi è a rischio osteoporosi. Va bene anche del pane tostato con olio d’oliva“. Gli snack sono anche alleati della linea “perché evitano di far arrivare affamati al pranzo o alla cena“. Per quanto riguarda invece i pasti principali, “le regole per conciliare una buona ripresa e il controllo delle calorie sono semplici: tanta frutta e verdura, più colori possibili e variare sempre tra pesce, carne, uova e legumi“. E a fine pasto, in particolare la sera, ci si può concedere un benefico dessert, anche se si è a dieta stretta: “10 grammi di cioccolato fondente, meglio se al 100%. E’ un ottimo anti-stress perché è ricco di magnesio, di triptofano, precursore della serotonina, ed è senza zuccheri“, conclude D’Ottavio.