Allerta Meteo, l’uragano Gonzalo è sempre più vicino: stasera arriva al nord Italia [MAPPE]

/
MeteoWeb

uragano gonzalo arrivoL’uragano Gonzalo è sempre più vicino all’Italia: la tempesta che la scorsa settimana ha attraversato le acque dell’oceano Atlantico colpendo l’arcipelago delle Bermuda quando era un mostro di 4^ categoria sulla scala Saffir-Simpson con venti fino a 240km/h, ovviamente s’è indebolita sulle acque più fredde dell’Atlantico settentrionale, ma è comunque ancora molto intenso e in queste ore sta sferzando le isole Britanniche con venti impetuosi, piogge torrenziali e temperature in picchiata.

crollo termicoCome illustrano chiaramente tutte le mappe che pubblichiamo nella galleria a corredo dell’articolo, nelle prossime ore la tempesta arriverà sull’Europa centrale indebolendosi ulteriormente, ma poi – a partire da stasera – arriverà anche sull’Italia e una volta raggiunte le miti acque del Mediterraneo, si rinforzerà nuovamente creando fenomeni di maltempo estremo tra il nostro Paese, i Balcani, la Grecia e la Turchia che saranno letteralmente flagellate dal maltempo provocato da “Gonzalo”.

g500_011Come già anticipato nei giorni scorsi, la tempesta investirà il nostro Paese domani, mercoledì 22 ottobre, ma gli ultimi aggiornamenti hanno anticipato il suo arrivo a stasera nelle Regioni dell’estremo nord/est dove dopo le 20:00 di oggi avremo i primi forti temporali che colpiranno in modo particolare Trentino Alto Adige, Veneto e Friuli Venezia Giulia con trombe d’aria e grandinate. Attenzione a possibili fenomeni estremi, con colpi di vento molto forti (oltre 100km/h) e temporali veloci ma violenti. Sempre stasera, il forte vento di maestrale inizierà ad investire la Sardegna con raffiche fino a 120km/h nel nord della Regione.

Domani, mercoledì 22, la tempesta si estenderà a tutt’Italia: le temperature crolleranno di circa 10-12°C rispetto ai valori ancora miti di oggi, e il forte vento di maestrale e tramontana soffierà impetuoso ovunque.

v10m_013Al nord/ovest splenderà il sole indisturbato, attenzione alle Alpi con raffiche di vento superiori ai 180km/h tra Svizzera, Austria e i crinali più vicini al confine del territorio italiano. Nel Tirreno, tra Corsica e Sardegna, le raffiche supereranno i 145km/h, e nel corso della giornata il maestrale si estenderà a tutto il Paese: entro sera soffierà con raffiche superiori ai 100km/h praticamente su quasi tutte le Regioni. In Molise, Puglia, Calabria e Sicilia supererà i 110km/h con le raffiche più forti. Sarà una situazione in cui si raggiungerà la “forza 10” sulla Scala Beaufort e la conseguenza più grave di questa situazione saranno le violente mareggiate in tutte le zone esposte soprattutto in Sardegna, Sicilia, Calabria, Molise e Puglia dove i litorali rischiano fenomeni devastanti con onde altre fino a 11-12 metri, allagamenti e inondazioni nelle zone costiere. Palermo, ad esempio, è a rischio mareggiate furiose, ma anche la Calabria tirrenica tra mercoledì sera e giovedì mattina sarà colpita da mareggiate molto violente.

giovedì seraOltre a mari e venti, ci sarà anche il maltempo intenso innanzitutto con i violenti temporali provocati dai contrasti termici nella giornata di domani, mercoledì, quando l’arrivo del fronte freddo innescherà la rapida formazione di cumulonembi molto violenti, da cui si formeranno trombe d’aria e grandinate. Poi, tra giovedì e venerdì, il maltempo ciclonico più intenso si concentrerà nelle zone esposte ai venti, e cioè nelle Regioni del medio/basso Adriatico e del basso Tirreno, con piogge torrenziali tra Abruzzo, Molise e Puglia nell’Adriatico, e tra Calabria e Sicilia nel basso Tirreno. La neve cadrà copiosa sull’Appennino oltre i 1.500 metri di quota, con qualche fioccata anche più in basso. Saranno 3 giorni di tempesta, da domani a venerdì, poi l’uragano si sposterà su Grecia e Turchia ma sull’Italia lascerà una coda che provocherà strascichi di maltempo al Sud anche nel weekend, con ulteriori fenomeni d’instabilità. Le temperature rimarranno molto fresche, inferiori alle medie del periodo almeno fino alla prossima settimana. Per monitorare la situazione in diretta seguite le nostre news in tempo reale e le pagine del nowcasting: satelliti, situazione, fulminazioni, radar e webcam. Sulla nostra pagina di facebook trovate ulteriori aggiornamenti e potete interagire con la Redazione inviando foto, segnalazioni o qualsiasi tipo di riflessione. Se volete, scriveteci e inviateci le foto anche all’indirizzo di posta elettronica, redazione@meteoweb.it.