Alluvione a Genova, notte da incubo: esonda lo Scrivia, allarme Bisagno [LIVE]

/
MeteoWeb

genovaaIl violento temporale che sta colpendo Genova e provincia non accenna a diminuire, anzi: è una notte da incubo per la pioggia torrenziale sul capoluogo ligure. Una decina di persone sono rimaste intrappolate nelle loro auto a causa dell’esondazione del torrente Scrivia e di alcuni suoi affluenti a Masone, al confine tra la Liguria e il Piemonte. Sul posto vigili del fuoco con i nuclei sommozzatori. Al momento non si registrano feriti. L’esondazione e’ dovuta alle forti piogge che continuano a cadere sulla Liguria. Incubo anche per il Bisagno in piena (vedi foto) proprio nel centro cittadino. Negli ultimi minuti la pioggia è diventata monsonica. Oregina ha raggiunto i 286mm giornalieri, Granarolo è a 206mm, Balestrazzi a 198mm, Erzelli a 170mm, Sant’Elia a 159mm, Castelletto a 154mm, il Porto a 115mm, Sestri Ponente a 105mm. Situazione al limite anche nell’entroterra dove la situazione è critica con 290mm a Orero Serra Ricco, 160mm a San Cipriano e 125mm a Mignanego.

BisagnoRicordiamo che la protezione civile regionale non ha reputato la situazione tale da emettere un’allerta, e s’è limitata ad un avviso. Domani a Genova le scuole saranno regolarmente aperte. Ma c’è il rischio che questo violento temporale auto-rigenerante di tipo “V-Shaped”, tra i più pericolosi e molto simile a quello dell’alluvione del novembre 2011, duri a lungo provocando gravi danni. Fortunatamente è notte e la popolazione è al sicuro in casa, ma le zone vicine ai corsi d’acqua sono comunque a rischio allagamenti in caso di esondazioni. Ancor più preoccupante l’evoluzione a lungo termine. A Genova continuerà a piovere, con brevi pause, praticamente per un’altra settimana intera, a tratti in modo molto intenso… Per monitorare la situazione in diretta seguite le nostre news in tempo reale e le pagine del nowcasting: satelliti, situazione, fulminazioni, radar e webcam. Sulla nostra pagina di facebook trovate ulteriori aggiornamenti e potete interagire con la Redazione inviando foto, segnalazioni o qualsiasi tipo di riflessione. Inviateci le foto anche all’indirizzo di posta elettronica, redazione@meteoweb.it.