Alluvione Genova, disastro in provincia: provinciale della Valle Scrivia interrotta in 3 punti

MeteoWeb

fiume scrivia casellaLa valle Scrivia, nell’entroterra genovese, e l’omonima strada provinciale che la percorre, la n. 226, sono state duramente colpite dall’alluvione della scorsa notte: l’arteria stradale è interrotta in tre punti a causa di frane, cedimenti a valle o inondazioni del torrente o dei suoi affluenti. Partendo da monte verso valle, la prima interruzione si incontra in comune di Montoggio, nel punto in cui un affluente dello Scrivia sottopassa la 226 attraverso una condotta: fango, sassi e detriti trascinati dalla violenza dell’alluvione hanno ostruito la condotta e l’acqua dell’affluente si è fatta strada inondando la sede stradale. Il ripristino della viabilità non sarà immediato perché occorre rimuovere fango e detriti dalla carreggiata. Il secondo punto di interruzione, dove si è verificato il danno più grosso, è sulla variante di Casella, la bretella che bypassa il centro abitato: qui la violenta pressione dell’acqua dello Scrivia ha fatto cedere ben 120 metri del muro di sostegno della strada, che sono crollati nel torrente. Fortunatamente il traffico ha potuto essere deviato sull’antico tracciato che attraversa il centro urbano di Casella, anche se la Provincia ha posto una limitazione al transito ai veicoli di peso superiore alle 7,5 tonnellate. Terza interruzione al km 18,6, in comune di Savignone poco prima della località Ponte Savignone; anche qui si è verificato un cedimento a valle della strada, che ha causato nella sede stradale una voragine di 6-8 metri di diametro e 8-10 metri di profondità. Al momento l’interruzione può essere aggirata utilizzando viabilità alternativa comunale, in ogni caso i tecnici della Provincia ritengono di poter riaprire la carreggiata a senso unico alternato sabato o al massimo domenica. Infine i tecnici della Provincia segnalano piccoli smottamenti, ma senza limitazioni alla viabilità, sulla provinciale 13 di Creto, sulla n. 2 di Sant’Olcese e sulla n. 3 di Crocetta d’Orero.