Alluvione Genova, piogge eccezionali: 1.000mm in città negli ultimi 5 giorni! Dati meteo e previsioni

/
MeteoWeb

imageNessuna tregua per Genova. Il capoluogo ligure ha trascorso un’altra notte di paura per un fortissimo temporale che ha causato nuovi allagamenti in varie zone del città. In poche ore in alcuni quartieri sono caduti oltre 200mm di pioggia e il centralino dei vigili del fuoco è stato tempestato di telefonate da cittadini allarmati. Il torrente Bisagno, il torrente Polcevera ed il rio Fereggiano hanno superato il limite di guardia, senza però esondare. A Sestri Ponente il rio Ruscarolo è uscito dagli argini, allagando case, negozi e scantinati. Situazioni critiche anche nei quartieri di Voltri, Certosa, Cornigliano e Sampierdarena, dove l’acqua ha invaso strade e negozi. Alcuni automobilisti sono saliti sui tetti delle proprie vetture per mettersi in salvo e sono stati poi soccorsi dai vigili del fuoco. Black out e smottamenti si sono registrati in diverse zone del capoluogo.

CNMC_RAD_201410110700_ITANOR_SRI@@@@@_@@@@@@@@@@@@_@@@_000_@@@@Il violento nubifragio si è poi spostato sul Tigullio, provocando allagamenti a Recco, Camogli e Rapallo. L’allerta meteo di livello 2 diramata ieri dalla Protezione Civile proseguirà fino alle 12 di oggi e per le prossime ore saranno ancora possibili temporali molto forti e persistenti tra Savona ed il levante di Genova.

La città è paralizzata. Le scuole sono chiuse, come i parchi, i cimiteri, i musei civici. Dopo le bombe d’acqua della notte che hanno allagato molte zone della citta’, rendendo impraticabili i sottopassi cittadini, la situazione sta lentamente tornando alla normalità. I sottopassi sono transitabili, ma restano in tilt quelli della zone della stazione di Brignole e della Valbisagno, dove due notti fa il Bisagno ha causato la nuova alluvione di Genova. La protezione civile comunale segnala vari smottamenti e ‘spanciamenti’ di mura che sono a rischio cedimento. La volta di un torrente tombato, in via Ausonia, nella residenziale di Castelletto, ha ceduto e crea preoccupazione. Alcuni ascensori cittadini sono bloccati. Molti i volontari impegnati sono sulle strade: a loro con l’allerta 2 e’ vietato di lavorare in scantinati.

genova02Intanto sono in arrivo a Genova i militari del II Genio Pontieri di Piacenza. Nel capoluogo ligure sta per arrivare una prima aliquota di 30 uomini con macchine per la movimentazione terra per prestare aiuto alla popolazione alluvionata, dopo l’esondazione, nella notte tra mercoledi’ e giovedi’ di cinque tra rii e torrenti. I militari sono comandati dal colonnello Rocco Capuano che sta partecipando ad una riunione operativa della protezione civile in prefettura.

DATI PLUVIOMETRICI SPAVENTOSI – Quello di oggi è il giorno di pioggia consecutivo oggi a Genova, anche se dovremmo dire sesto giorno di nubifragi con accumuli straordinari: dalla mezzanotte sono già caduti 224mm a Oregina, 166mm a Prà, 154mm a Balestrazzi, 149mm a Granarolo, 120mm ad Erzelli, 113mm a Sant’Elia, 111mm a Marassi e Sestri Ponente, 76mm a Ligorna, 74mm a Quezzi, 55mm a Molassana, 48mm a San Cipriano.
Nell’entroterra 94mm a Mignanego, nel Levante 136mm a Pezzonasca-Moconesi, 117mm a Sori località La Rovere, 36mm a Rapallo e in provincia ancora 75mm a Belpiano, 70mm a Sant’Alberto di Bargagli e 56mm al Monte Laghicciolo. Oltre all’entità dei fenomeni, è impressionante la loro estensione, praticamente a tutto il territorio provinciale genovese.

CNMC_MET_201410110735_ITARSS_CP0H0H09_@@@@@@@@@@@@_@@@_000_@@@@Gli accumuli parziali mensili, che raccolgono le piogge tra lunedì 6 e oggi da quando cioè ha iniziato a piovere (cinque giorni fa) sono spaventose: 978mm a Genova Oregina, 714mm a Genova Balestrazzi, 690mm a Genova Granarolo, 680mm a Genova Marassi, 555mm a Genova Quezzi, 540mm a Genova Erzelli.
I parziali pluviometrici annui sono folli: 2.238mm a Genova Oregina, 2.067mm a Genova Marassi e addirittura picchi diffusi di oltre 2.500mm nelle zone interne della Provincia.

Attenzione, in questo weekend, ad altre forti piogge in Liguria e al nord/ovest, tra Piemonte e Lombardia. I fenomeni, poi, si intensificheranno ulteriormente lunedì su tutto il nord/ovest. Intanto anche in Francia meridionale, per la terza volta nel giro di un mese, si sono verificate piogge alluvionali: la località più colpita, stavolta, Nimes dove ieri sono caduti circa 300mm di pioggia con gravi allagamenti. Per monitorare la situazione in diretta seguite le nostre news in tempo reale e le pagine del nowcasting: satelliti, situazione, fulminazioni, radar e webcam. Sulla nostra pagina di facebook trovate ulteriori aggiornamenti e potete interagire con la Redazione inviando foto, segnalazioni o qualsiasi tipo di riflessione. Inviateci le foto anche all’indirizzo di posta elettronica, redazione@meteoweb.it.