Animali: la tartaruga gigante ritorna alle Galapagos

MeteoWeb

TARTARUGA GIGANTE GALAPAGOS - CopiaLa tartaruga gigante ‘ritorna’ sulle Galapagos. Grande successo del progetto di reintroduzione in natura nell’isola di Espanola di animali in cattivita’: uno studio dettagliato sull’ecosistema del territorio incontaminato nell’Oceano Pacifico ha contato oltre 1.000 esemplari dove una volta ce ne erano solo 15. L’analisi, pubblicata su Plos One, ha analizzato le varieta’ di testuggini giganti presenti su Espanola scoprendo che piu’ della meta’ degli esemplari rilasciati in natura attraverso un programma di allevamento in cattivita’, sono ancora vivi e conducono una vita “tranquilla” senza bisogno di aiuti esterni per il loro sostentamento. Un risultato notevole considerando che nel 1960 sull’isola vivevano solamente 12 femmine e tre maschi. “E’ uno di quei rari esempi di ‘successo di conservazione’ in cui siamo riusciti a salvare qualcosa dal rischio di estinzione che ora si sta prendendo cura di se stesso”, ha commentato alla BBC, James Gibbs del College of Environmental Science and Forestry alla State University of New York (SUNY-ESF) ed autore principale dello studio. Le tartrughe giganti vivono fino a 150/200 anni, mangiando erbe e foglie durante la stagione delle piogge e cactus durante la stagione secca. Come spiegano i ricercatori, prima dell’arrivo delle persone, la popolazione contava tra i 5.000 e i 10.000 esemplari. Questi affascinanti animali sono stati portati sull’orlo dell’estinzione dalla caccia e dall’introduzione sull’isola delle capre selvatiche nel 1800 che, divorando gran parte della vegetazione presente, hanno sconvolto gravemente l’ecosistema.