Maltempo, il basso Piemonte sott’acqua: allagamenti, fango e detriti

MeteoWeb

novi01Soffre anche il Piemonte. La pioggia che non da’ tregua ha creato seri problemi nell’Alessandrino con allagamenti, case, esercizi commerciali, e persino un ospedale, a Novi Ligure che e’ senz’acqua potabile da tre giorni, invasi da fango e detriti. Auto sommerse. Linee ferroviarie bloccate, scuole chiuse. A finire al centro della perturbazione innanzitutto la Valle Scrivia. A Novi Ligure l’acqua proveniente dalle vie sopraelevate esterne all’Ospedale San Giacomo e’ penetrata all’interno, raggiungendo i locali della rianimazione e della radiodiagnostica. I pazienti sono stati trasferiti al piano superiore. ”Stiamo liberando i magazzini e abbiamo chiuso la rianimazione – dice il sindaco Rocchino Muliere al Tg Piemonte, – ma l’ospedale non e’ stato evacuato”. Il fiume Scrivia e il torrente Orba dopo aver rotto gli argini hanno messo in ginocchio un’area che comprende ventitre comuni, qualche frazione e’ ancora isolata. Chiuso anche il grande Outlet di Serravalle Scrivia, nel cui comune si sono anche registrate frane. Bomba d’acqua a Gavi: 380 millimetri in sei ore, frane ed evacuazioni. Sottopassi allagati anche a Tortona. Disagi nella zona di Ovada. Guasti e ritardi sulle linee ferroviarie Torino-Genova e Genova-Milano. Due convogli sono stati bloccati da allagamenti in campagna. Chiuso ad Alessandria il ponte sul Bormida. I danni sono ingenti anch se non sono ancora stati quantificati. Allerta fino a domani ma la previsione e’ di un rallentamento dei fenomeni.