Miranda, la luna “Frankenstein” di Urano: ecco perché ha un aspetto bizzarro

MeteoWeb

voyager urano mirandaMiranda (dall’omonimo personaggio de “La tempesta” di Shakespeare) è la luna più piccola e interna di Urano: scoperta da Gerard Kuiper il 16 febbraio 1948, è sempre stata motivo di perplessità per gli scienziati. La sua superficie ricorda infatti il mostro Frankenstein, un bizzarro collage di parti che non coincidono e non formano un tutt’uno omogeneo. Miranda ha un diametro di 471 km, 1/7 della nostra Luna, e vi si trovano canyon 12 volte più profondi del Grand Canyon in USA.

miranda uranoMiranda ha una superficie davvero bizzarra e deformata,” dichiara Noah Hammond, scienziato a capo del team alla Brown University. “E’ una luna davvero bella ed esotica.” Su Miranda si trovano tre formazioni dette coronae, strutture ellissoidali uniche nel nostro Sistema Solare, e ciascuna prende il nome da località citate nelle opere di William Shakespeare.

I ricercatori hanno scoperto che il responsabile dell’apparenza di Miranda è proprio il pianeta attorno a cui orbita, Urano: la forza gravitazionale (un po’ come quella esercitata tra Terra e Luna) avrebbe distorto il satellite, tanto da riscaldarlo e portare a sconvolgimenti interni, e ciò spiegherebbe anche la presenza delle coronae.