Olbia, “Io non rischio l’alluvione”: un SMS per avvisare la popolazione in caso di piogge estreme

MeteoWeb

olbia“Io non rischio l’alluvione”. A quasi un anno dalla tragedia del 18 novembre dello scorso anno, prende avvio a Olbia una campagna di informazione della Protezione civile alla quale la citta’ gallurese, unica in Sardegna, ha deciso di aderire per migliorare il servizio di informazione alla popolazione. Iscrivendosi al servizio i cittadini potranno essere avvisati sulle condizioni meteo. Alla base del progetto c’e’ il concetto di autotutela, fondamentale per tutti i cittadini, in particolare per quelli che vivono nei quartieri piu’ a rischio. E’ stato il sindaco di Olbia, Gianni Giovannelli, assieme all’assessore della protezione civile, Ivana Russu, a presentare il progetto e a lanciare un appello alla collaborazione alla popolazione: sara’ solo attraverso l’iscrizione al servizio che il Comune potra’ inviare gli sms a costo zero. Tra i “pilastri” del progetto un’applicazione, “flag me”, che informa costantemente sul cambio delle condizioni climatiche e fornisce informazioni sulla condotta da tenere in caso di eventi calamitosi. “Nonostante cio’, dovremo ancora vivere una stagione di preoccupazione” afferma Giovannelli. Il sindaco ha comunicato inoltre che in questi giorni sono stati liberati dal patto di stabilita’ 5 milioni e 150 mila euro, ai quali si aggiungono 2 milioni 399 mila euro della Regione Sardegna. “Entro la fine dell’anno il Comune di Olbia avra’ speso circa 20 milioni di euro propri investiti in opere legate alla messa a norma delle scuole, alla pulizia dei canali, al ripristino degli argini distrutti” ha spiegato. Si aggira invece intorno ai 30 milioni il primo lotto funzionale degli interventi per la mitigazione del rischio idrogeologico. Soldi bloccati dal patto di stabilita’, che il comune potrebbe spendere ma per il quale attende l’ok da Roma.