Previsioni Meteo: dopo Gonzalo ancora forte maltempo al Sud a causa dei … resti di Gonzalo!

/
MeteoWeb

previsioni meteo fine ottobre“Gonzalo” sta continuando a sferzare il centro/sud Italia provocando danni e disagi in modo al centro/sud: ai venti impetuosi e alle mareggiate della prima fase del peggioramento, si sono aggiunte adesso le piogge torrenziali che stanno creando molti problemi soprattutto in Abruzzo, Molise, Calabria e Sicilia dove continuerà a piovere fino a domani sera. Poi la tempesta, ancor più violenta, si allontanerà verso est colpendo Grecia e Turchia, sferzate tra sabato e domenica da venti impetuosi, violente mareggiate e piogge alluvionali in modo ancor più intenso rispetto a quanto Gonzalo non abbia fatto in Italia, sui Balcani, in Germania o Regno Unito. La tempesta, infatti, si rinforzerà ulteriormente una volta raggiunte le calde acque del mar Jonio prima, e dell’Egeo poi, dove potrebbe ritrovare pienamente tutte le caratteristiche di tempesta tropicale che ha perso lo scorso weekend attraversando le fresche acque del nord Atlantico e perdendo potenza rispetto a quando ha devastato le Bermuda, prima di arrivare in Europa.

Copia-di-avnpanel4Attenzione, però, che l’uragano Gonzalo è davvero duro a morire: sull’Italia il miglioramento del weekend sarà molto timido ed effimero. Solo poche schiarite tra tante nubi sparse e con piogge residue nelle Regioni del Sud sia sabato che domenica. Poi la risalita dell’anticiclone lambirà appena il nostro Paese, interessando soltanto il nord dove la prossima settimana il clima rimarrà stabile e soleggiato, con temperature più o meno in linea con le medie del periodo, tante schiarite ma anche nebbie e foschie tipiche degli anticicloni autunnali come quello che appunto la prossima settimana ingloberà gran parte d’Europa. Al contrario, il Sud rimarrà in balia dei … resti di Gonzalo (stavolta sì, molto indebolito) e potrebbe avere a che fare con giornate intere di piogge torrenziali, alimentate dall’orografia del territorio.

previsioni meteo fine ottobreGonzalo, infatti, dopo aver colpito duramente Grecia e Turchia tra sabato, domenica e lunedì mattina, si andrà ad esaurire tra l’Egeo e il mar Nero nella giornata di lunedì 27, ma senza spegnersi definitivamente. Sarà molto indebolito ma continuerà a sopravvivere e per tutta la prossima settimana – almeno fino alla fine del mese di ottobre – continuerà a pompare verso l’Italia centro/meridionale masse d’aria fresche e instabili provenienti dai Balcani. Le temperature, infatti, si manterranno su gran parte del territorio italiano molto fresche, inferiori alle medie del periodo (di oltre 4-5°C al Sud), e l’attivazione di correnti orientali in un contesto così instabile darà vita a forti temporali che potranno provocare piogge torrenziali in modo particolare nei versanti esposti ad est di Sardegna, Sicilia e Calabria, le Regioni più a rischio. E’ una configurazione tipica di alcuni tra gli episodi di maltempo più “cattivi”, in termini di precipitazioni, della storia di queste Regioni d’Italia, dalle alluvioni record di 1951 e 1953 fino ai tanti eventi che hanno colpito le aree joniche negli ultimi anni. Ovviamente non è detto che anche stavolta questa situazione sfoci in qualcosa di simile, e ci auguriamo proprio che non sia così. Ma la situazione è potenzialmente pericolosa e per questo motivo è opportuno monitorarla sin da adesso con la massima attenzione. E’ comunque ormai abbastanza chiaro, almeno come tendenza, che Gonzalo continuerà ad alimentare il maltempo sull’Italia meridionale per tutto il mese di ottobre.