Previsioni Meteo, l’Italia assapora l’inverno: inizia la stagione di freddo e neve, come sarà?

/
MeteoWeb

neve inverno bellissima fotoL’Italia è tornata ad assaporare l’inverno molti mesi dopo l’ultima volta: tra ieri e oggi, infatti, le temperature sono crollate di oltre 10°C in tutto il Paese portandosi ben al di sotto rispetto alle medie del periodo, dopo il caldo record che da più di due settimane attanagliava il centro/sud estendendosi a fasi alterne anche al nord. “Gonzalo” oltre ai venti impetuosi, al forte maltempo e al tracollo termico, ha portato anche le prime vere nevicate invernali, cioè abbondanti in quota e coreografiche anche in collina. Prima è stato il turno delle Alpi, poi degli Appennini che oggi si sono imbiancati come solitamente accade proprio in pieno inverno.

Winter park at nightNella galleria a corredo dell’articolo, le immagini di Passolanciano, Pescocostanzo, Rivisondoli, Roccacaramanico e Capracotta in diretta, oltre ad alcune di Dolomiti, Majella ed Etna imbiancate nelle scorse ore. Tra Abruzzo e Molise sta nevicando addirittura dai 1.000 metri di quota, con accumuli dai 1.200 metri in sù. Le temperature sono crollate su valori tipici di Natale e San Silvestro, insomma di fine dicembre. E’ l’inizio della stagione di freddo e neve: manca ancora poco più di un mese al primo giorno dell’inverno meteorologico 2014/2015, ma ormai siamo proiettati a novembre e nonostante qualche breve pausa anticiclonica con sole e temperature un po’ più tiepide, l’andamento stagionale appare inequivocabile.

neve01Così mentre gli appassionati scaldano i motori in vista della stagione che più amano, e al contrario la gente comune – la stragrande maggioranza dei cittadini – inizia a rimpiangere il clima estivo caldo e soleggiato adatto ad ogni tipo di attività all’aperto, tutti però hanno in comune un punto interrogativo grande come una casa: che inverno sarà? Una domanda a cui non è facile rispondere, a maggior ragione a causa dell’incertezza e variabilità climatica che sta caratterizzando questo periodo con il tira e molla di “El Niño” che negli ultimi mesi non si capisce proprio cosa voglia combinare: prima doveva essere un episodio storico, poi è stato ridimensionato, adesso sembra che proprio a ridosso di Natale e quindi di fine dicembre possa dar vita a un significativo riscaldamento delle acque del Pacifico innescando tutte le conseguenti reazioni a catena nei vari continenti del Pianeta. Dopotutto si chiama così proprio perché la sua etimologia nasce proprio dal fatto che storicamente questo fenomeno si verifica nel periodo Natalizio, quindi le popolazioni locali l’hanno nominato in questo modo in segno di reverenza al Bambin Gesù.

neve02Quello che potrà essere il prossimo inverno in Italia è tutto o è niente. Dirlo oggi è impossibile: le previsioni del tempo non si possono spingere oltre i 10-12 giorni anche come tendenza di massima, ovviamente senza alcun dettaglio previsionale che vada oltre i 5-6 giorni. E’ quindi troppo presto per rispondere ad un interrogativo destinato a rimanere tale ancora a lungo. Le previsioni stagionali sono ancora uno strumento sperimentale, rimasto tale così com’era nato ormai più di dieci anni fa. Ma se ancora a fine ottobre non siamo in grado di sapere che tempo farà il prossimo inverno, forse è meglio così. Il fascino e la suggestione della meteorologia è proprio nella sua incertezza, che lascia spazio alla fantasia e all’immaginazione. Quell’incertezza che consente di sognare, di sognare la nevicata della vita, i fiocchi candidi che imbiancano il giardino di casa, il paese natio, la città di residenza. Un sogno nel cassetto che in molti conservano sin da quando erano bambini e che è bene non perdano mai, perché solo chi sogna può volare.