Allerta Meteo, arriva lo scirocco: forti temporali al nord/ovest. Mappe e previsioni dell’aeronautica militare

/

01Il servizio meteorologico dell’aeronautica militare comunica le previsioni del tempo sull’Italia. Situazione: correnti meridionali temperate ed umide interessano l’Italia determinando condizioni di nuvolosita’ diffusa con associate precipitazioni sparse specie sui settori occidentali. Tempo previsto fino alle 24 di oggi: – al nord: molto nuvoloso o coperto con precipitazioni sparse piu’ frequenti ed insistenti sul settore occidentale, localmente temporalesche sulla Liguria mentre risulteranno in prevalenza deboli sulle rimanenti aree. Al mattino banchi di nebbia sulle aree pianeggianti e nelle valli.

02– al centro e Sardegna: molto nuvoloso o coperto con piogge sparse specie su Toscana, aree costiere di Lazio e Sardegna settentrionale e orientale dove assumeranno anche carattere temporalesco, mentre i fenomeni risulteranno meno frequenti ed in genere sporadici sulle restanti regioni. Banchi di nebbia al mattino su aree pianeggianti e Valli. – al sud e Sicilia: molto nuvoloso con precipitazioni sparse al mattino sull’area Tirrenica e Ionica mentre maggiori schiarite interesseranno la Sicilia; nel corso della giornata nuvolosita’ e fenomeni si attenueranno determinando parziali schiarite mentre gli annuvolamenti permarranno sul versante ionico con locali precipitazioni. Temperature: senza apprezzabili variazioni, con tendenza ad aumento al sud ad iniziare dalla Sicilia. Venti: deboli meridionali con rinforzi lungo le coste tirreniche centro-settentrionali e penisola Salentina con tendenza ad intensificazione verso fine giornata sulle due isole maggiori, mentre risulteranno prevalentemente settentrionali sulla Liguria con isolati rinforzi. Mari: molto mossi il Canale d’Otranto e il Mar Ligure al largo; generalmente poco mossi o mossi tutti gli altri mari.

03Il servizio meteorologico dell’Aeronautica militare comunica le previsioni del tempo sull’Italia per la giornata di domani, venerdì 28 novembre: – al nord: sui settori occidentali e Lombardia cielo coperto con associate precipitazioni da sparse a diffuse, i fenomeni sulla Liguria e sui settori prealpini ed alpini di Lombardia e Piemonte, subiranno un’ulteriore intensificazione nel pomeriggio, cosi’ si potranno sviluppare, sulle suddette aree, temporali di moderata forte intensita’. Sulle restanti aree cielo molto nuvoloso o coperto, con deboli precipitazioni sui rilievi del Triveneto, scarsa la possibilita’ di fenomeni sulle restanti aree ma con foschie dense o nebbie sulle aree pianeggianti, specie di Emilia Romagna e Veneto. – al centro e Sardegna: su Toscana, Lazio e Sardegna cielo in genere molto nuvoloso con precipitazioni sparse su Toscana, mentre del tutto occasionali saranno i fenomeni su Lazio e Sardegna. Sulle restanti aree ampie aperture si alterneranno ad una nuvolosita’ irregolare, ma con scarsa possibilita’ di fenomeni.

04– al sud e Sicilia: su Sicilia, Calabria e settori ionici di Basilicata e Puglia cielo da nuvoloso a molto nuvoloso con associate precipitazioni sparse, in attenuazione nubi e fenomeni nella seconda parte della giornata. Sulle restanti aree ampie aperture si alterneranno ad un cielo irregolarmente nuvoloso. Temperature: minime in lieve aumento sulle regioni settentrionali e sulle due Isole maggiori; per lo piu’ stazionarie altrove; massime in generale lieve aumento su gran parte della penisola, aumenti piu’ significativi si avranno un po’ su tutte le regioni settentrionali. Venti: di provenienza meridionale di intensita’ da debole a moderata sulle regioni centrali e meridionali, con rinforzi nella prima parte della giornata, sui settori costieri tirrenici e dal pomeriggio su quelli del basso Adriatico e sulle aree ioniche. Sulla Liguria prevalenza di venti da orientali a sudorientali con intensita’ moderata specie sui settori di ponente dove nel corso della mattinata sono attesi ulteriori rinforzi ma con tendenza ad attenuazione durante la seconda parte della giornata. Per lo piu’ deboli orientali sul resto del nord. Mari: poco mosso l’alto Adriatico; molto mossi in genere i rimanenti mari con tendenza a divenire agitati i settori orientali del Mar Ligure e del Mar di Sardegna e quelli piu’ meridionali dello Ionio.